Contenuto sponsorizzato

Nelle Rsa manca personale e diverse strutture rischiano la chiusura. Sempre meno infermieri e oss, i sindacati: "Nessuno risponde al grido di aiuto degli enti''

Si fa sempre più difficile la situazione all'interno delle Rsa. Fp Cgil: " Molti professionisti 'migrano' verso gli ospedali per le migliori condizioni: di contratto e di qualità del lavoro". La richiesta alla politica è quella di avere "risposte concrete"

Di G.Fin - 30 marzo 2022 - 18:26

TRENTO. “La politica non risponde al grido di aiuto di un settore sempre più in crisi a causa della difficoltà nel reperimento di personale”. Questa la denuncia che arriva dai sindacati sulla situazione che in queste settimana si sta registrando in diverse Rsa del Trentino

 

Un grido di allarme che è già stato lanciato dalle stesse organizzazioni che gestiscono le case di riposo (Qui l'articolo) e che da tempo sottolineano la mancanza di personale sanitario, una situazione diventata sempre più grave. Ad intervenire è Fp Cgil con  Alessandro Lazzarini e il segretario generale Luigi Diaspro.

 

“Il problema principale – hanno spiegato i sindacalisti - è trovare infermieri ed è un tema nazionale, non solo locale. Molti professionisti 'migrano' verso gli ospedali per le migliori condizioni: di contratto e di qualità del lavoro. Un infermiere in Rsa si occupa di moltissimi residenti e spesso si trova a essere il responsabile ultimo di tutti i processi (non è sempre presente il medico o il coordinatore). Viene chiamato a prendere decisioni difficili nelle situazioni di emergenza e si deve occupare di tutto il delicatissimo processo di somministrazione delle terapie”.

 

Il problema si ripercuote anche su altre figure come gli Oss. Anche per questa categoria si evidenziano le precarie condizioni di lavoro per mancanza di personale, aggravamento delle condizioni di salute generale dell’utenza, parametri assistenziali obsoleti.

 

“Il lavoro è gravoso dal punto di vista fisico (come alzare o spostare una persona) ma anche psicologico: tanti i pazienti con demenza, depressione o problematiche psichiatriche. Serve molto tempo e proprio il tempo manca: i parametri assistenziali dettati dalla Provincia, ovvero il rapporto operatore-posto letto, sono inadeguati e quasi tutte le Rsa sono sopra-parametro, cioè pagano di tasca propria gli operatori in più necessari”. 

 

Ovviamente aumenta anche il carico burocratico che, di nuovo, toglie tempo al lavoro di assistenza diretta. “Spesso i nuovi oss rimangono scioccati dalla situazione lavorativa che trovano e scelgono un’altra professione. Talvolta vengono sostituti con ausiliari di assistenza che, non per colpa loro, sono impreparati e non possono svolgere determinate attività perché non ne hanno i titoli”.

 

Per tutto questo l'appello è rivolto alla politica perché dia “risposte concrete”, a partire dai “percorsi di accesso alle professioni”, “all’aumento dei parametri assistenziali”, al riconoscimento delle professionalità con un nuovo Ordinamento professionale, all’immediata attivazione dei tavoli per il rinnovo del contratto, alla revisione del sistema indennitario.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 luglio - 19:04
È la 54enne trentina Liliana Bertoldi la quarta vittima della tragedia sulla Marmolada. La donna era molto conosciuta in Trentino per via del [...]
Cronaca
05 luglio - 19:37
Le accuse di Debora Campagnaro, sorella di Erica una delle alpiniste disperse dopo la tragedia sulla Marmolada: “Se ci fosse stato un bollettino [...]
Cronaca
05 luglio - 18:21
Grande il lutto in tutta la comunità per la scomparsa di Filippo Bari, morto sul ghiacciaio della Marmolada: parte anche una raccolta fondi. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato