Contenuto sponsorizzato

Settore socio-assistenziale, l'allarme dei sindacati: "Senza risorse e strategie involuzione del modello trentino. Si riconoscano i lavoratori del terzo settore"

Cgil e Funzione pubblica lanciano l'allarme: "La Giunta nega il confronto con i lavoratori del settore. Così non si affrontano le sfide imposte dall’invecchiamento, dalla carenza di personale e della domiciliarità delle cure. Si rafforzi il fondo socio-assistenziale delle comunità di valle oggi fermo a circa 93 milioni di euro che sono insufficienti"

Di F.C. - 21 September 2022 - 18:00

TRENTO. "Senza risorse e strategie nessuna prospettiva di avanzamento per l’assistenza socio-sanitaria e assistenziale in Trentino". E' questo l'allarme lanciato dai sindacati Cgil del Trentino insieme alla Funzione pubblica che rappresenta le lavoratrici e i lavoratori del terzo settore e della cooperazione sociale in provincia, un comparto che occupa 10 mila addetti.

 

"La Giunta nega il confronto con i lavoratori del settore -. aggiungono - così non si affrontano le sfide imposte dall’invecchiamento, dalla carenza di personale e della domiciliarità delle cure. Serve un reale riconoscimento delle professionalità e del lavoro di chi opera nel terzo settore".

 

I sindacati lamentano una mancanza di risorse e strategie: "C’è il rischio più che concreto di un’involuzione del modello trentino, mentre diventa sempre più urgente costruire risposte per gestire le sfide dell’invecchiamento, della crescente richiesta di salute e della pressante carenza di personale". Il dito viene puntato contro la Giunta che "decide tutto da sola, senza alcun coinvolgimento delle parti sociali, delle consulte della salute e delle rappresentanze degli utenti".

 

"Eppure con le risorse stanziate dal Pnrr - sostengono - con la riforma della medicina territoriale e dell’assistenza si sta discutendo di scelte che impatteranno sulla sanità e l’assistenza trentina per il prossimo trentennio. E’ incomprensibile come l’esecutivo tiri dritto ignorando, scientemente, le istanze dei cittadini e di chi li rappresenta".

Il tutto, a detta dei sindacati, senza produrre alcun avanzamento, "ma solo uno scivolamento verso il basso della qualità dell’assistenza a partire da quella socio-assistenziale", in particolare per i soggetti più fragili come gli anziani e i disabili che hanno bisogno di cure domiciliari.

Una situazione che non risulta nuova purtroppo, a causa della carenza di personale e dagli stanziamenti insufficienti di risorse. “La carenza di personale - spiegano i sindacati - è diretta conseguenza anche delle non buone condizioni di lavoro e retributive per chi opera nel terzo settore. Il contratto nazionale è fermo, quello provinciale manca da quindici anni, il carovita erode gli stipendi e il personale deve occuparsi di un numero sempre maggiore di pazienti. La responsabilità è in primo luogo della Giunta provinciale che non intende aumentare i finanziamenti alle Comunità di Valle che erogano questi servizi".

 

A farne le spese sarebbero quindi le famiglie "costrette a rivolgersi al sistema privato dovendo impegnare risorse crescenti e le lavoratrici e i lavoratori che non vedono pienamente riconosciute le loro professionalità e il loro lavoro. E’ chiaro che anche trovare figure disposte a lavorare in questi contesti diventa sempre più difficile. Ecco come si alimenta un circuito vizioso che riduce la qualità dei servizi socio-assistenziali".

Da qui le richieste di stanziare maggiori risorse per il terzo settore, "in primo luogo rafforzando il fondo socio-assistenziale delle comunità di valle oggi fermo a circa 93 milioni di euro, insufficienti per potenziare l’assistenza a livello territoriale e domiciliare".

Così i sindacati sostengono "maggiori stanziamenti necessari per rinnovare il contratto provinciale del settore e garantire migliori condizioni retributive e di lavoro agli addetti oltre che per attrarre personale qualificato".

 

Riguardo la questione degli affidamenti Cgil e Fp chiedono ai prossimi parlamentari trentini e alla Giunta provinciale una vera e propria azione di pressing sul legislatore europeo perché modifichi, estendendole, le loro durate. "Questa deve diventare una priorità - concludono - perché anche affidamenti troppo brevi scoraggiano gli investimenti nella qualità del servizio e del personale e in procedure innovative come la co-progettazione che supera definitivamente il meccanismo degli appalti".

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 28 settembre 2022
Telegiornale
28 Sep 2022 - ore 21:31
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 settembre - 20:18
Su ordine del tribunale l’ex dirigente della polizia amministrativa che aveva evidenziato le criticità legate alla sicurezza del concerto di [...]
Cronaca
28 settembre - 21:17
L'incidente è avvenuto sulle Dolomiti di Brenta. Un 62enne stava scendendo, con il compagno di escursione, da cima della Finestra quando è [...]
Politica
28 settembre - 18:36
La Lega è doppiata in Veneto dal partito di Giorgia Meloni e crolla un po' ovunque. I 5 Stelle sono primo partito in gran parte del Sud. Se [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato