Contenuto sponsorizzato

Trentino nella morsa del caldo (con massime fino a 38 gradi): ecco i consigli della Pat per anziani e persone vulnerabili

Dalla corretta alimentazione per combattere il caldo ai comportamenti da tenere per prevenire possibili problematiche di salute: ecco il decalogo della Pat per affrontare l'ondata di calore

Pubblicato il - 02 luglio 2022 - 17:06

TRENTO. “Si tratta di indicazioni che ogni anno vengono aggiornate e diffuse il più possibile, così da tutelare chi vive situazioni di fragilità o vulnerabilità, per motivi di età, ma anche per la presenza di malattie croniche o invalidanti, o per motivi economici e sociali, aggravati da condizioni di solitudine”. È con queste parole che l'assessora provinciale Stefania Segnana introduce il decalogo di Piazza Dante con i comportamenti corretti per prevenire i problemi di salute dovuti al caldo, mentre in Trentino le temperature massime previste per domenica 3 luglio arrivano fino a 38 gradi centigradi a Rovereto. Una serie di indicazioni che comprendono anche le misure da adottare in situazioni di emergenza e che nelle scorse settimane sono state inviate dall'Apss (e da altri enti sul territorio, compresi i Comuni di Rovereto e Trento) in una lettera per mettere a conoscenza la popolazione, specialmente gli anziani, sulle misure di prevenzione per affrontare il grande caldo.

 

Ecco quindi cosa fare contro l'ondata di calore:

 

-Bere molta acqua (almeno 10 bicchieri al giorno) o altre bevande a temperatura ambiente, anche se non si ha sete.

-Fare pasti leggeri, scegliendo cibi ricchi di acqua e sali minerali come frutta, verdura, minestre e minestroni non troppo caldi e cibi privi di grassi come la pasta, il pesce, invece che la carne e i formaggi. Anche il gelato è concesso, ma quello alla frutta.

-Se viene fame tra un pasto e l’altro, mangiare frutta, ricca di acqua e sali minerali.

-Ridurre l’attività fisica.

-Fare attenzione ai condizionatori: sono utili ma è bene non creare uno sbalzo di temperatura troppo elevato. Bene, invece, il deumidificatore.

-Nelle abitazioni, oscurare le finestre orientate verso il sole nelle ore diurne e tenerle aperte durante la notte.

-Sono di aiuto bagni, docce e, se la persona è immobilizzata a letto o in carrozzina, spugnature.

-Fare attenzione all’abbigliamento (la persona anziana in genere ha la tendenza a “coprirsitroppo): preferire vestiario ampio che non ostacoli la traspirazione, di colore chiaro, di cotone o di lino.

-Coprirsi il capo all'esterno e usare gli occhiali da sole.

 

Fondamentale poi tenere a mente i comportamenti da evitare (non esporsi al calore, evitare bevande ghiacciate e cibi fritti o piccanti, per esempio) e fare attenzione ai sintomi delle disidratazione e dei colpi di calore. In caso di necessità viene raccomandato di rivolgersi al medico di base o a un suo sostituto o al servizio di continuità assistenziale, pubblico e gratuito, attivo ogni sera dalle 20 alle 8 del mattino seguente, i sabati, le domeniche e i prefestivi dopo le 10. Il numero telefonico del Servizio di guardia medica/continuità assistenziale è il 116117. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
14 August - 14:50
L’orso era stato curato al Casteller a causa di un investimento, a giugno invece era stato reimmesso in natura e ha mantenuto un comportamento [...]
Cronaca
14 August - 15:31
Dalle prime informazioni l'uomo, un 63enne originario di Marostica, che si trovava alla Malga con il fratello e il nipote, si era incamminato per [...]
Cronaca
14 August - 15:47
Sono stati trovati 236 positivi a fronte di 1.518 tamponi. Nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono 73 i pazienti ricoverati in ospedale, di cui 1 [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato