Contenuto sponsorizzato

Maturità, la seconda prova: la versione di Platone (dopo 14 anni) al Classico, 2 problemi e 8 quesiti di matematica (con citazione di Gadda) allo Scientifico

Il testo della versione di greco al Classico è tratto dall'opera "Minosse o della legge". Era da ben 14 anni (e prima ancora nel 2004), che non veniva proposto un testo del filosofo ateniese. Allo Scientifico i problemi sono classici studi di funzione, il primo classico, il secondo riporta le frasi di De Giorgio e Hardy. E per i tecnici informatici si parla anche di Autonomia

Di D.L. - 20 giugno 2024 - 13:22

TRENTO. Platone (che non usciva dal 2010) al liceo Classico, due problemi e 8 quesiti, con una serie di prove di geometria, equazioni e funzioni, al liceo Scientifico.

 

Per gli oltre 4mila studenti trentini che stanno affrontando la maturità oggi - giovedì 20 giugno - è il giorno della seconda prova.

 

Al Classico, dove era in programma la prova di greco, è stata proposta una versione di Platone da tradurre in italiano. Il testo è tratto dall'opera "Minosse o della legge". Era da ben 14 anni (e prima ancora nel 2004), che non veniva proposto un testo del filosofo ateniese. Dopo la traduzione gli studenti dovevano rispondere ad alcune domande sulla comprensione del testo, sull'analisi linguista e stilistica. Nel dialogo si indagano i rapporti tra legge, giustizia e politica.

 

Al Liceo Scientifico, invece, sono stati proposti 2 problemi e 8 quesiti si matematica: trattasi di classici studi di funzione. Il primo ha un'impostazione classica e non presenta alcun riferimento alla realtà, il secondo riporta due frasi che vogliono contestualizzare il problema, pur non entrando nello svolgimento pratico. La prima citazione è del matematico De Giorgio, la seconda del matematico britannico Hardy.

 

Tra gli 8 quesiti aggiuntivi non mancano riferimenti a casi concreti, dal triangolo isoscele, alla moneta truccata con la descrizione matematica dell'orbita della terra attorno al sole. A corredo anche una citazione di Carlo Emilio Gadda, che ne "L'Adalgisa - Disegni milanesi" descrive in maniera approfonditamente le mattonelle esagonali, indicandone le dimensioni e la disposizione.

 

La seconda prova negli altri altri indirizzi di studio.

 

Tecnico Informatico: nella prova di Sistemi e Reti all'istituto tecnico ITIA (Informatica e telecomunicazioni indirizzo Informatica) si parla di autonomia delle Regioni. Riguarda una società costituita da una Regione per cablare in banda larga gli enti pubblici. Dovendo estendere la rete anche alle strutture private, per quello che riguarda la gestione dei dati sanitari dei pazienti nelle strutture sanitarie pubbliche, per farli confluire nel fascicolo sanitario elettronico del cittadino, i candidati devono progettare l'infrastruttura seguendo determinati quesiti.

 

Liceo di Scienze Umane: interazione attiva nell'ambiente educativa, sulla proposta di scuola di Maria Montessori e John Dewey, basata sull'opera del filosofo e pedagogista Esperienza ed educazione.

 

Liceo Linguistico: per chi ha la seconda prova di spagnolo la traccia si basa su un articolo del quotidiano El Diario di Javier Zurro, con esperienze della seconda guerra mondiale e della guerra civile iberica. Nell'articolo si parla di un film documentario.

 

Liceo Artistico: i maturandi come seconda prova d'indirizzo della Maturità 2024 devono partire da una citazione di Kandinsky e realizzare un'opera (plastico-scultorea) simbolista.

 

Istituti Tecnici a indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing: prova su una piccola e media impresa italiana del settore dell'elettronica, dell'elettromeccanica e dell'elettromedicale, che deve mettere in piedi progetti di sviluppo in chiave sostenibile e per un ricambio generazionale della forza lavoro. Il candidato deve stilare il Conto Economico e lo Stato Patrimoniale dell'azienda tenendo conto degli investimenti fatti. La prova si completa con quesiti di economia aziendale su casi pratici.

 

Istituti professionali (nuovo ordinamento): le caratteristiche e le proprietà dei materiali utilizzati nei processi produttivi e le tecnologie e tecniche per la lavorazione dei prodotti sono al centro della prova degli Istituti professionali con il nuovo ordinamento. Al maturando viene chiesta l'analisi e le possibili soluzioni di problemi tecnici relativi ai materiali e/o ai componenti, ai sistemi e agli impianti del settore di riferimento. Lo studente deve anche rappresentare e descrivere lo schema funzionale di apparati, macchine, impianti e sistemi tecnologici, elettrici e meccanici, anche programmabili, e di veicoli a motore ed assimilati, eventualmente facendo riferimento alle norme di sicurezza e della tutela ambientale.

 

Istituti professionali (vecchio ordinamento): manutenzione di una piccola officina di vernici e colori, possibili guasti, misure di prevenzione e protezione.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 luglio - 20:44
In una giornata caratterizzata da numerosi interventi in tutto il Trentino, gli operatori della Stazione Alta Val di Fassa del soccorso alpino sono [...]
Montagna
21 luglio - 20:30
Socio storico del gruppo dei Ragni di Lecco, Cavaliere della Repubblica e membro del Club Haute Montagne, per 65 anni attivo nel soccorso alpino di [...]
Cronaca
21 luglio - 19:49
Secondo le rilevazioni degli esperti di Meteotrentino, l'ondata di maltempo si è concentrata nelle ultime ore in alcune zone del Trentino [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato