Contenuto sponsorizzato

Al Muse con lo "Slow Beans" anche una competizione semiseria tra piatti a base di legumi

Due giorni di proposte e soprattutto una scorpacciata di gusto il prossimo 5 e 6 novembre al Muse dove fagioli, piselli, fave, cicerchie, lenticchie, roveja, lupini, soia, ceci, maracuoccio, lablab, caiano, noce bambara, azuki e molti altri saranno protagonisti di Slow Beans

Pubblicato il - 01 novembre 2016 - 09:39

Mostra mercato, degustazioni, pillole scientifiche e tantissime curiosità sui legumi. Due giorni di proposte e soprattutto una scorpacciata di gusto il prossimo 5 e 6 novembre al Muse dove fagioli, piselli, fave, cicerchie, lenticchie, roveja, lupini, soia, ceci, maracuoccio, lablab, caiano, noce bambara, azuki e molti altri saranno protagonisti di Slow Beans, evento itinerante della Rete Italiana di Produttori di Legumi tradizionali.

 

L’evento “ Slow Beans” porterà negli orti del Muse conferenze, workshop, corner scientifici per adulti e bambini, una mostra-mercato e le “Fagioliadi”, competizione semiseria tra piatti a base di legumi, per conoscere tutte le importanti caratteristiche nutrizionali di queste piante, apprezzarne le gustose varietà e scambiarsi informazioni e prelibate ricette.

 

Il 2016 è stato indicato come l’anno dei legumi, proclamato dalla Fao con l’obiettivo di accendere i riflettori su un alimento completo e ricco, anche se spesso ingiustamente dimenticato. In un semino a caso, infatti, che si tratti di ceci, lenticchie o fagioli si trovano numerose qualità nutrizionali e i legumi sono stati, per secoli, una delle fonti alimentari più ricche e indispensabili alla sopravvivenza. Oggi, perlopiù, conosciamo e utilizziamo le poche varietà proposte dall’industria e diffuse nelle produzioni in scatola, e raramente sulla nostra tavola ci allontaniamo dal consumo di fagioli, ceci, piselli e lenticchie. Le varietà di legumi nel mondo, invece, sono tantissime (la sola mostra al MUSE, quest’estate, ne presentava più di 500). Esistono legumi antichissimi, alcuni a rischio di scomparsa, come la cicerchia, mentre altri sono stati recuperati con successo (come ad esempio la roveja, legume umbro-marchigiano che può essere trasformato in un’ottima farina). Secondo  Slow Food, esistono almeno 31 legumi da tutelare, da tenere d’occhio, perché rischiano di sparire.

 

 

Sabato 5 e domenica 6 novembre, grazie a a “Slow Beans” , sarà possibile compiere un viaggio tra le centinaia di varietà di legumi del mondo. In primo luogo grazie a una grande mostra-mercato che raggruppa ben 20 produttori locali e nazionali, pronti a presentare i loro gustosi prodotti a base di legumi. Ci sarà, come detto, una ricca proposta di conferenze, workshop e corner scientifici, tra i quali spicca la Tavola rotonda Legumi semi nutrienti per un futuro sostenibile”, un dialogo a più voci sul tema con ospiti di riguardo, affronterà il tema delle qualità nutrizionali dei legumi, con livelli di approfondimento adatti a tutte le fasce d’età.

 

L’evento, organizzato in collaborazione con Comunità leguminosa Slow Beans, Slow Food Trentino Alto Adige Suedtirol, Presidi Slow Food, Mandacarù Onlus e costituisce il momento conclusivo dell’esposizione “Tutti i legumi del mondo” negli Orti del MUSE, che verrà quindi chiusa per il periodo invernale. Gli Orti riapriranno a primavera, con una nuova stagione di mostre.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 maggio - 19:26

Dai costi elevati alla mancanza di un progetto ben definito problemi e possibili soluzioni per “l’Amazon trentina”. L’esperto: “Come per qualsiasi attività commerciale, o vi è un profitto o non c’è motivo per cui debba rimanere aperta. L’online è una risorsa, non una minaccia, ma solo se la si sa utilizzare nelle misure e nei contesti adeguati”

31 maggio - 19:25

Non sono stati registrati decessi nelle ultime 24 ore, il quarto giorno consecutivo senza morti legati a Covid-19. Ci sono 5.432 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 1.910 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,05%

31 maggio - 19:23

Si tratta di Guido Casarotto. L'uomo era a bordo di una delle due macchine che il 25 maggio si erano scontrate sulla strada provinciale 235 all'altezza di Lavis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato