Contenuto sponsorizzato

Alla guida di un'auto senza revisione e assicurazione e senza mai aver preso la patente. Multa di 5 mila euro per un 45enne

Il controllo effettuato dalla Polizia Locale delle Giudicarie. Il veicolo di proprietà è stato sequestrato ai fini della confisca

Pubblicato il - 13 September 2017 - 15:28

GIUDICARIE. Ha ricevuto una multa di oltre 5 mila euro il cittadino albanese di 45 anni da tempo residente nelle Giudicarie Esteriori che è stato trovato alla guida di un'auto senza patente perché mai conseguita.

 

Accanto a questo, il mezzo risultava né revisionato né assicurato. Il controllo è avvenuto nella serata di ieri, quando una pattuglia della Polizia Locale delle Giudicarie, durante il normale servizio nel Comune di Bleggio Superiore, ha controllato una Opel Vectra con a bordo il 45enne.

 

All’atto del controllo, come già detto, l’uomo è risultato sprovvisto di patente perché mai conseguita, il veicolo di sua proprietà non risultava inoltre né revisionato né assicurato.

 

Al soggetto, peraltro già noto alle Forze dell’Ordine in quanto gravato da precedenti penali, sono state comminate sanzioni amministrative per oltre 5000 euro. Il veicolo di sua proprietà è stato sequestrato ai fini della confisca.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato