Contenuto sponsorizzato

Allarme inquinamento nel lago di Santa Giustina. Nell'acqua una chiazza oleosa di 100 metri

Ieri nel tardo pomeriggio sono intervenuti i vigili del fuoco di Cagnò che con corde oleoassorbenti e i salsicciotti hanno contenuto la macchia e messo in sicurezza l'area. Da questa mattina i tecnici dell'Appa sono all'opera per verifiche e valutazioni

Di Luca Pianesi e Giuseppe Fin - 03 agosto 2017 - 22:39

CAGNO'. Una chiazza oleosa di circa 100 metri è stata individuata nel lago di Santa Giustina in Val di Non, nel tardo pomeriggio di ieri.

 

L'allarme per il pericolo inquinamento è stato immediatamente lanciato al distaccamento dei Vigili del fuoco volontari di Cagnò che si sono recati sul posto con una squadra di 10 persone per intervenire e cercare di contenere la sostanza inquinante. Una sostanza oleosa riconducibile a nafta o carburante

 

I pompieri sono quindi scesi in acqua con un gommone e hanno piazzato delle corde oleoassorbenti e i salsicciotti, forniti dalla protezione civile di Lavis, che in questi casi svolgono una doppia funzione: prima di tutto quella di contenere la macchia e poi di assorbire gradualmente la sostanza inquinante.

 


 

Sul posto sono arrivati anche i tecnici dell'Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente che hanno assistito le manovre dei vigili del fuoco e fatto le prime valutazioni sull'accaduto. Con l'arrivo del buio le operazioni si sono interrotte con la chiazza, però, già messa in sicurezza e bloccata tra i salcicciotti. Da questa mattina sono ricominciate le operazioni di verifica e le valutazioni su quanto accaduto con i tecnici dell'Appa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

25 febbraio - 20:46

L'allerta è stata lanciata intorno alle 19 sotto il rifugio Marchetti. La macchina dei soccorsi è entrata subito in azione per il timore che potessero esserci persone travolte e sommerse dalla neve

25 febbraio - 19:34

L'allerta è scattata intorno alle 18.30 di oggi nella zona del lago Pudro a Madrano. Un'area di circa 13 ettari, occupata per la maggior parte da una torbiera e situata a circa 1 chilometro da Pergine. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato