Contenuto sponsorizzato

Anche a Trento l'Oipa in piazza: "Stop alla strage di agnelli a Pasqua"

In piazza Pasi il sit-in dell'associazione. "Modificare la coscienza collettiva può realmente salvare la vita di milioni di animali"

Di gf - 14 aprile 2017 - 19:08

TRENTO. Anche a Trento sono scesi in piazza oggi i volontari dell’organizzazione internazionale protezione animali OIPA con un sit in di protesta che ha avuto come tema quello di "Salvare l’agnello pasquale".

 

In piazza Pasi i rappresentanti dell'Oipa hanno realizzato una sorta di allestimento simbolico. Una forchetta e un coltello appoggiati ad un piatto colmo di verdure e, al centro, una bambina. Nel cartello le immagini di un cane e di un agnello e la scritta “M'ama – mi mangia” per puntare sull'associazione tra animale domestico come il cane e l'agnello: “Perché l’agnello, pur essendo un cucciolo, viene considerato cibo e non un essere vivente da amare come il cane e il gatto?”


“Il consumo di carne di agnello è in calo – spiegano i rappresentanti dell'Oipa - tuttavia sono circa 4 milioni gli agnelli uccisi ogni anno in Italia, neonati separati forzatamente dalle loro madri, maltrattati, marchiati e trasportati verso una fine crudele e violenta. Circa 800.000 agnelli muoiono esclusivamente nel periodo di Pasqua”.

Per l'organizzazione internazionale protezione animali “modificare la coscienza collettiva può realmente salvare la vita di milioni di animali. Il messaggio è forte e di impatto, ma non sciocca, piuttosto invita a porsi una domanda e a riflettere sulla risposta. Alla presa di coscienza deve seguire il coraggio di cambiare le abitudini di una vita intera. Abitudini che non valgono certo milioni di vite”.
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 17:41

Sono stati trovati 39 casi tra gli over 70 e 4 tra gli under 5. Ci sono 17 classi in isolamento. Oggi comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale. Sale il numero dei pazienti in terapia intensiva

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

16 gennaio - 18:25

La società ha comunicato che da lunedì consegnerà all'Italia il 29% di filiale di vaccino in meno rispetto a quanto era stato stabilito dal contratto. Ad inizio della prossima settimana, intanto, riceveranno la seconda dose le persone che si sono vaccinate per prime il 27 dicembre scorso

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato