Contenuto sponsorizzato

Anche a Trento l'Oipa in piazza: "Stop alla strage di agnelli a Pasqua"

In piazza Pasi il sit-in dell'associazione. "Modificare la coscienza collettiva può realmente salvare la vita di milioni di animali"

Di gf - 14 aprile 2017 - 19:08

TRENTO. Anche a Trento sono scesi in piazza oggi i volontari dell’organizzazione internazionale protezione animali OIPA con un sit in di protesta che ha avuto come tema quello di "Salvare l’agnello pasquale".

 

In piazza Pasi i rappresentanti dell'Oipa hanno realizzato una sorta di allestimento simbolico. Una forchetta e un coltello appoggiati ad un piatto colmo di verdure e, al centro, una bambina. Nel cartello le immagini di un cane e di un agnello e la scritta “M'ama – mi mangia” per puntare sull'associazione tra animale domestico come il cane e l'agnello: “Perché l’agnello, pur essendo un cucciolo, viene considerato cibo e non un essere vivente da amare come il cane e il gatto?”


“Il consumo di carne di agnello è in calo – spiegano i rappresentanti dell'Oipa - tuttavia sono circa 4 milioni gli agnelli uccisi ogni anno in Italia, neonati separati forzatamente dalle loro madri, maltrattati, marchiati e trasportati verso una fine crudele e violenta. Circa 800.000 agnelli muoiono esclusivamente nel periodo di Pasqua”.

Per l'organizzazione internazionale protezione animali “modificare la coscienza collettiva può realmente salvare la vita di milioni di animali. Il messaggio è forte e di impatto, ma non sciocca, piuttosto invita a porsi una domanda e a riflettere sulla risposta. Alla presa di coscienza deve seguire il coraggio di cambiare le abitudini di una vita intera. Abitudini che non valgono certo milioni di vite”.
 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
03 dicembre - 05:01
Diversi i nodi da affrontare e l'apertura degli impianti in val di Non non è garantita. Le criticità legate ai costi energetici ma manca anche [...]
Politica
02 dicembre - 20:39
Dopo le rivelazioni del sindaco Finato si allungano le ombre sul progetto per il Nuovo ospedale di Cavalese. Ora Cia chiede conto del ruolo avuto [...]
Cronaca
02 dicembre - 15:54
Il Centro in via Dogana 1 ha iniziato ad accogliere le vittime di violenza dai primi anni 2000, partendo da 92 arrivando a 335 nel 2021. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato