Contenuto sponsorizzato

Bastoni, tirapugni e coltelli. Maxi rissa tra sinti a Villazzano prima di un funerale

Gli scontri si starebbero verificando per questioni familiari irrisolte. Un gruppo è stato costretto a nascondersi dal fioraio del paese. Notificato il foglio di via a quattro persone. Una signora del paese ha dato rifugio a donne e bambini che fuggivano dagli scontri

Di Luca Pianesi e Donatello Baldo - 04 luglio 2017 - 14:01

VILLAZZANO. Sono spuntati i tirapugni, i coltelli e i bastoni e la polizia è riuscita a fermare 4 persone anche se la rissa ne ha coinvolte ben di più. Intorno alle 13 nella tranquilla piazza di Villazzano è scoppiato il finimondo. Tutto sarebbe collegato al funerale di un bambino sinto che verrà celebrato alle 14.30 al cimitero della collina. Un bimbo di due anni morto martedì scorso a Bolzano a causa di un malore improvviso. Una tragedia che ha gettato nella disperazione la famiglia del piccolo e in particolar modo la mamma Sahar che si era trasferita a Bolzano da un anno dopo essersi separata dal padre del bimbo che vive a Montebelluna in provincia di Treviso.

 

E le persone che sono state aggredite oggi sarebbero proprio dei sinti di fuori provincia. Sono arrivati con il camper e hanno parcheggiato difronte al fioraio di Villazzano per comprare dei fiori da portare al funerale. In pochi minuti, però, sono arrivate altre persone armate di bastoni, tirapugni e coltelli e li hanno circondati. Gli aggrediti si sono rifugiati nel negozio e hanno chiesto al fioraio di chiamare la polizia. Intanto l'altro gruppo, sempre di sinti, ha preso a bastonate il camper e altre persone sono venute alle mani. Sono volate le botte e testimoni del paese riferiscono di aver visto una persona scappare con una ferita da taglio.

 


 

Sul posto sono quindi arrivate le pattuglie della polizia, in forze, coordinate dal vicequestore Ascione giunto sul posto assieme alle volanti, e hanno provveduto a mettere in sicurezza l'area e a bloccare quattro giovani. Prese le generalità il questore ha immediatamente notificato loro un foglio di via. Alle 14.30 comincerà il funerale e si temono altri scontri. La vicenda non riguarda i sinti di Trento ma una famiglia di Bolzano e altre di Montebelluna. Per l'occasione anche la nonna del bambino, detenuta al carcere di Venezia ha avuto l'autorizzazione a prendere parte alla cerimonia ma già durante il viaggio avrebbe cominciato a litigare con il compagno. E problemi si erano già verificati anche a Bolzano. Adesso sul posto è presente la polizia in forze, i carabinieri e il battaglione Mestre. 

 


 

Due giovani donne con tre bambini sono quindi scappate dalla rissa e si sono infilate in via Tessadri. Temendo per la loro incolumità e per quella dei bambini hanno suonato a un campanello e hanno chiesto aiuto a una signora che gli ha aperto e li ha accolti. Immediatamente sono state chiamate le forze dell'ordine anche presso l'abitazione e tutti, adesso, sono in sicurezza.

 


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 marzo - 05:01

La vicenda risale all'agosto del 2018 a Sirmione. Nel corso della manovra una turista tedesca era stata schiacciata dal pullman, poi era deceduta in ospedale. Per i giudici non c'è stata negligenza o imperizia da parte del conducente

01 marzo - 20:17

Sono 232 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 25 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

01 marzo - 18:18

E' stato rinviato a settembre 2021 il graduale svuotamento della Residenza Fersina. Una nuova decisione, viene sottolineato dai  consiglieri provinciali che hanno presentato due interrogazioni, presa senza confronto con gli enti dell’accoglienza

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato