Contenuto sponsorizzato

Bisogni educativi speciali, dalla Provincia in arrivo 500 mila euro

La prossima giunta provinciale stanzierà il nuovo importo. Ad inizio settembre erano stati stanziati altri 382.500 euro per interventi a favore di studenti con bisogni educativi speciali e con disturbi dell'apprendimento

Pubblicato il - 11 settembre 2017 - 19:21

TRENTO. Per i Bes, i Bisogni educativi speciali, l'amministrazione provinciale investe complessivamente ogni anno più di 47 milioni di euro.

 

Il presidente Ugo Rossi ha annunciato oggi l'intenzione di deliberare nella prossima riunione di Giunta altri 500 mila euro.

 

"Il Dipartimento della conoscenza - fa sapere il presidente della Provincia, Ugo Rossi - ha ultimato la ricognizione, cosa che consente di definire un quadro preciso a fronte delle certificazioni raccolte e dei nuovi ingressi registrati. Per i BES la Provincia stanzia annualmente uno stock di risorse che vengono utilizzate completamente ed eventualmente rimpinguate. Ora che sono stati raccolti i dati che fotografano esattamente la situazione, siamo in grado di quantificare l'ulteriore fabbisogno”.

 

Uno stanziamento importante che va ad aggiungersi a quello già avvenuto all'inizio di settembre, con un provvedimento a firma sempre di Rossi che, rimodulando i fondi destinati alle istituzioni scolastiche,aveva consentito lo stanziamento di altri 382.500 euro per interventi a favore di studenti con bisogni educativi speciali e con disturbi dell'apprendimento.

 

I numeri forniti dalla provincia mostrano un continuo aumento di soggetti che richiedono bisogni educativi speciali. Nell'anno scolastico 2015-'16, dalla primaria alla formazione professionale, erano 2.405 gli studenti con bisogni educativi speciali, certificati come prevede la legge 104 del 1992. Nell'anno successivo erano 2.486, mentre quest'anno scolastico sono 2.540.

 

Secondo una fotografia fatta ad inizio settembre, i ragazzi e le ragazze vengono seguiti da circa 730 docenti, dal primo al secondo ciclo di istruzione e formazione, suddivisi in 500 docenti per la primaria e secondaria di I grado, un centinaio per la secondaria di II grado e i rimanenti per la formazione professionale; a questi si aggiungono più di 180 assistenti educatori provinciali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato