Contenuto sponsorizzato

Boom di presenze per la stagione estiva a Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi

Aumenti a due cifre di presenze e arrivi, Verones "Importante per l'intero indotto che genera il comparto turistico"

Foto: Tiziana Dalla Fontana
Di G.Fin - 03 novembre 2016 - 16:35

Incrementi a due cifre per la stagione turistica estiva 2016 a Trento sul Monte Bondone e nella Valle dei Laghi. Ancora una volta, il settore del turismo ha rappresentato un elemento fondamentale per l'economia territoriale.

 

Secondo i dati dell'Azienda di promozione turistica di Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi, l'ultima stagione estiva, grazie alla qualità delle offerte messe in campo, ha registrato un miglioramento dei trend delle strutture ricettive.

 

Rispetto alla stagione estiva 2015, a Trento, sul Monte Bondone e in Valle dei Laghi si è registrato un considerevole aumento sia di arrivi che di presenze: la crescita degli arrivi e delle presenze dall’Italia per le strutture alberghiere dell’ambito vede rispettivamente 41.928 arrivi (+11,51%) e 95.671 di presenze (+10,78%).

 

Non da meno i dati riferiti alle presenze dei turisti straniere. Gli arrivi e le presenze negli hotel dall’estero, che superano i dati registrati per i connazionali per il periodo luglio-settembre 2016, risultano in crescita del +10,81% (48.945 arrivi) e del +10,04% (97.298 pernottamenti).

 

Complessivamente si contano 90.873 arrivi (+11,13%) e 192.969 presenze (+10,40%).

 

Ad essere andata bene è anche la città di Trento che nei mesi estivi ha visto una crescita non di poco conto. Il settore alberghiero ha registrato un incremento del 10,56% con 70.008 arrivi e 122.454 presenze (+11,55%).

 

Per quanto riguarda gli stranieri, Trento migliora la propria performance con un incremento del 10,15% negli arrivi e del 9.56% nelle presenze.

 

La differenza è costituita dagli arrivi e dalle presenze italiane che costituiscono 30.766 arrivi (+11,09%) e 58.862 presenze (+13,77%).

 

Lombardia, Lazio, Veneto ed Emilia Romagna rappresentano le regioni dalle quali sono arrivati il maggior numero di turisti nei mesi di luglio, agosto e settembre. Per quanto riguarda l’estero, invece, la Germania con 21.539 presenze si conferma regina dei mercati esteri, seguita da Paesi Bassi, Gran Bretagna, Spagna e Stati Uniti D’America.

 

“Avere incrementi a due cifre – ha spiegato la direttrice dell'Apt Elda Verones – è importante per l'intero indotto che si va a generare in tutto il comparto turistico, non solo gli alberghi ma anche la ristorazione e l'offerta commerciale”.

 

A far riflettere è anche l'aumento di presenze che si continua ad avere negli ultimi anni.

“E' un costante aumento – ha confermato la direttrice - e questo aumento fa capire che abbiamo una offerta attrattiva come città di Trento ma anche come comparto Monte Bondone e Valle dei Laghi. Molto importante è anche un altro incremento continuo, quello degli stranieri. Questo è estremamente positivo perché ci permette di lavorare su più mercati come facciamo per l'inverno”.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 16:21

L'assessora Segnana è intervenuta per scaricare la responsabilità sull'Ordine dei medici. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Se esecutivo e dirigenti provinciali hanno sempre bisogno di qualcuno che dica cosa fare, per quale motivo vengono pagati dai trentini? Chieda scusa e ringrazi Ioppi invece di accusarlo". L'Upt: "Accuse di Segnana inaccettabili e vili. Bullismo istituzionale, arroganza e impreparazione"

25 maggio - 12:37

Il presidente del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani (organismo “consulente” della Giunta e del Consiglio Provinciale) manda una lettera all'assessore all'istruzione e cultura per chiedergli di non far saltare quell'importante attività di educazione alla cittadinanza attiva che per tanti giovani è stata anche una delle prime esperienze lavorative: ''Credo non solo debba essere garantito nei suoi progetti ma addirittura rafforzato''

25 maggio - 12:53

Il parco acquatico Riovalli di Cavaion Veronese non riaprirà per l'estate. Le restrizioni imposte dai protocolli di sicurezza, le procedure e l'innalzamento automatico dei costi hanno spinto la direzione a decidersi per la chiusura, lasciando a casa una trentina di dipendenti. Il proprietario: "Lasciati soli dal governo. Anche con le nuove disposizioni del Veneto, come posso garantire al cliente di usufruire dei servizi per cui ha pagato?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato