Contenuto sponsorizzato

Il Punto d'Incontro interrompe il servizio dopo l'aggressione a due operatori

Due operatori, un uomo e una donna, sono stati colpiti da un ospite due giorni fa. Boso: "Le Forze dell'ordine sono alla ricerca dell'aggressore e l'accaduto ha creato molta preoccupazione"

Di G.Fin - 04 novembre 2016 - 18:27

Dopo l'aggressione ad una operatrice e ad un operatore, avvenuta due giorni fa, il Punto d'Incontro nelle giornate di ieri ha chiuso completamente i propri servizi mentre nelle giornate di oggi e domani ha deciso per una chiusura parziale.

 

In questi due giorni l'unico servizio a disposizione degli utenti sono le docce mentre l'ufficio sociale e la sala accoglienza rimangono chiuse. Anche per quanto riguarda il pranzo, il cibo viene consegnato attraverso una finestra.

“Due giorni fa – ci racconta Michele Boso, vicepresidente del Punto d'Incontro - uno degli ospiti è arrivato per mangiare. Aveva già procurato dei problemi a inizio settimana e quando si è presentato era alterato psicologicamente e farmacologicamente. La sala da pranzo, però, era piena, e gli avevamo chiesto di attendere un attimo”.

 

L'uomo non ha accettato l'invito di attendere e con la forza è riuscito ad entrare nella sala dove altri ospiti stavano consumando il proprio pranzo.

 

“Immediatamente – ha spiegato Boso – abbiamo cercato un'intermediazione ma purtroppo lui ha risposto violentemente rovesciando in un primo momento dei contenitori di cibo. Abbiamo poi cercato di fermarlo ma non ci siamo riusciti e ha dato un primo colpo in pieno volto ad una operatrice facendola cadere per terra e svenire”.

 

L'operatrice poco dopo si è ripresa e l'uomo è stato accompagnato fuori dove però ha creato altri problemi. “Quando siamo riusciti ad accompagnarlo fuori – ha continuato il presidente – purtroppo ha dato un colpo ad un altro operatore. Ora ci troviamo con due operatori in infortunio sul lavoro per motivi di violenza e nella giornata di ieri siamo stati costretti a chiudere completamente i servizi”.

 

Oggi, e domani, sono state riaperte le docce e per pranzo vengono consegnati dei panini attraverso una finestra. Uffici e sale accoglienza rimangono chiuse.

 

“Ieri all'ora di pranzo – ha spiegato Michele Boso – la stessa persona si è ripresentata e ha iniziato nuovamente a dare calci e pugni creando problemi anche in serata in piazza Dante. Quello che è successo ha generato preoccupazione. Le forze dell'ordine lo stanno cercando e al momento noi del Punto d'Incontro ci diamo il cambio per controllare la situazione all'esterno della struttura”.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 11:11

Kompatscher punta a far tornare i turisti tedeschi già dal 15 giugno: “Noi vorremmo offrire a tutti i turisti che vengono qui gratuitamente il test sierologico. L’Austria non decide chi entra ed esce dall’Italia, il transito del turista tedesco per raggiungere l’Italia non è nelle competenze di Vienna”

26 maggio - 11:24

L'Operazione Trojan si è conclusa nella mattinata di martedì 26 maggio con l'arresto di 7 persone, di cui 4 domiciliate in Romania. La banda, autrice di tre colpi accertati tra Val di Sole e provincia di Varese, trasportava la refurtiva nel Paese dell'Est Europa, da dove rivendeva i prodotti rubati attraverso annunci di privati su internet. Il riconoscimento di una bici sottratta ad un negozio di Vermiglio ha permesso di sgominarla

26 maggio - 06:01

Dopo la decisa presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil ma anche quella dell'Upt, duri i consiglieri provinciali dopo che l'assessora Stefania Segnana è intervenuta per scaricare (ancora una volta) le responsabilità sui medici e ha attaccato il presidente Marco Ioppi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato