Contenuto sponsorizzato

Esce dal coma il 21enne che aveva avuto un incidente ad Arco. I familiari: "Ale ce l'ha fatta. Per fortuna ha avuto la possibilità di trovarsi in un ospedale all’avanguardia"

Alessandro Di Francesco si era scontrato il 29 maggio con il suo scooter contro una Passat guidata da un anziano del posto sulla provinciale in località San Giorgio. I familiari di Taorimina hanno espresso il loro ringraziamento al personale del Santa Chiara: "I medici hanno grandi doti umane oltre che a saper far bene il proprio lavoro"

Di Luca Pianesi - 13 June 2017 - 13:08

TRENTO. "Ale ce l'ha fatta. Un immenso grazie ai medici che lo hanno salvato". E' indescrivibile la gioia dei familiari di Alessandro Di Francesco il ragazzo, di 21 anni che il 29 maggio è stato investito mentre andava in scooter ad Arco. Le sue condizioni erano apparse da subito molto gravi e i medici dell'Ospedale Santa Chiara di Trento, in via prudenziale, lo avevano tenuto in coma farmacologico per tentare di risvegliarlo in modo graduale. E Alessandro giorno per giorno, dopo la grande paura dei primi momenti, ha mostrato segnali di ripresa fino a ieri quando è uscito a tutti gli effetti dal coma. 

 


 

A esprimere la grande gioia ed emozione provata nell'apprendere la notizia è stato lo zio di Alessandro, Angelo, che sul giornale Taormina Today oggi ha spiegato quanto sia stato importante il lavoro fatto dall'equipe dell'ospedale di Trento. "Per noi è una gioia indescrivibile quella che stiamo provando – ha dichiarato a Taormina Today -. Sono davvero felice di poter dire che Ale si è svegliato. Vogliamo ringraziare i medici per la loro professionalità e soprattutto per la gentilezza unica con cui hanno assistito il ragazzo. Pur nel dramma di questo incidente, Alessandro ha avuto la possibilità di trovarsi in un ospedale all’avanguardia, dove i medici hanno grandi doti umane oltre che a saper far bene il proprio lavoro. Sono stati giorni difficili ma, grazie a Dio, il peggio è passato. La mia felicità è quella di tutta la famiglia, vogliamo anche ringraziare tutti gli amici e i conoscenti che hanno inviato tantissimi messaggi di affetto e di incoraggiamento ad Ale".

 

L'incidente, come vi avevamo raccontato il 29 maggio, era avvenuto sulla strada provinciale in località San Giorgio. Il giovane, originario di Taormina ma residente ad Arco da alcuni mesi, per ragioni lavorative, era alla guida del suo scooter quando si è scontrato con una Passat, guidata da un anziano del posto. L'auto l'ha centrato frontalmente facendolo volare per una decina di metri. Sul posto si sono quindi precipitati l'elicottero sanitario con a bordo i medici rianimatori che hanno tentato di rianimarlo all'istante. Ferito e in condizioni gravissime è stato trasportato al Santa Chiara di Trento dove è cominciata la sua battaglia sospeso tra la vita e la morte. 

 

Ieri la bella notizia alla quale si aggiunge anche quella che il giovane ha riconosciuto la famiglia, una volta uscito dal coma. Un in bocca al lupo a lui e un plauso ai medici e al personale sanitario dell'Ospedale di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 05:01

Una ricerca che ha messo insieme tanti pezzi di un mosaico per ricostruire la storia “perduta” di Anna Vivaldelli, uccisa a Dro l’8 marzo 1925. A quasi un secolo di distanza, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, ricostruiamo questa vicenda grazie ai documenti, le lettere e le testimonianze dell’epoca

07 March - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 March - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato