Contenuto sponsorizzato

Fatta brillare una parete rocciosa a Ravina

Interdetta per almeno un'ora l'intera area che si trova nel raggio di 500 metri dal punto di deflagrazione

Foto: Francesco Viero
Pubblicato il - 20 September 2016 - 13:12

Poco prima delle 13 è stata fatta brillare una parete rocciosa a Ravina che era costituita da 2.000 metri cubi instabili da demolire. Nella primavera scorsa alcuni frammenti rocciosi si erano staccati e riversati nel vigneto che confina con l'impianto di riduzione del metanodotto Verona-Trento, in corrispondenza con via San Nicolò di Ravina.
 


E' stata interdetta per almeno un'ora l'intera area che si trova nel raggio di 500 metri dal punto di deflagrazione e sono state evacuate cinque famiglie residenti tra via Costa di San Nicolò e via Belvedere di Ravina.

 

Demolizione di una parete rocciosa a Ravina
Ph. Francesco Viero
Ph. Francesco Viero
Ph. Alby Mazzocco
Ph. Alby Mazzocco

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 March - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 March - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 March - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato