Contenuto sponsorizzato

Furti a Ravina e Romagnano, la circoscrizione prende la contromisure: "In arrivo quattro telecamere"

La questione sicurezza a Ravina e Romagnano non desta preoccupazione, ma a breve saranno installate quattro nuove telecamere per prevenire eventuali tentativi di effrazione. Giuliani: "Segnalare persone sospette che circolano in modo continuativo"

Pubblicato il - 19 December 2016 - 13:20

RAVINA. Due furti in appartamento e altrettanti tentativi nel giro di pochi giorni. A Ravina e Romagnano la situazione non è allarmante, ma merita di essere tenuta sotto strettissima osservazione. Già lo scorso, nel periodo pre-natalizio, si erano verificate una serie di effrazioni nella zona: casualità o il momento che precede le feste è particolarmente propizio per i topi d’appartamento? Il bottino complessivo dei due furti riusciti è piuttosto misero: sono state sottratte poche decine di euro, con i ladri che hanno ignorato altri oggetti di valore, quali supporti tecnologici e strumenti musicali presenti nelle abitazioni violate.

 

“Siamo vigili e riguardo al tema della sicurezza non si fa mai abbastanza - commenta Mariacamilla Giuliani, presidente della Circoscrizione Ravina-Romagnano - ma non è il caso di creare allarmismi. Qualche furto c’è stato nel corso delle ultime settimane (il più recente risale a lunedì scorso, ndr), ma non direi che la zona è stata presa di mira in maniera particolare dai malintenzionati. Purtroppo i disperati che violano le case alla ricerca di contanti e ori e, nella maggior parte dei casi provocano più danni materiali che economici, ci sono sempre stati e sempre ci saranno. Noi siamo attivi e, proprio lunedì, in sede di Consiglio, abbiamo deliberato l’installazione di due telecamere a Ravina e altrettante a Romagnano per agevolare l’operato delle forze dell’ordine e aumentare il grado di sicurezza dei due paesi. Dove saranno posizionate? I dettagli devono ancora essere definiti, ma a Ravina potrebbero essere sistemate in piazza o nella zona del parco, mentre a Romagnano il luogo individuato è piazza Condini”.

 

I residenti nelle due frazioni del capoluogo sono assai attenti e, infatti, da tempo è attivo un gruppo whatsapp chiamato “Sicurezza RaRo” che ha come obiettivo quello di convogliare le segnalazioni degli abitanti su possibili movimenti sospetti nella zona.

 

“C’è grande partecipazione - spiega Giuliani - e attenzione da parte della popolazione. In passato, ad esempio, una serie di segnalazioni ha portato all’intervento delle forze dell’ordine e al successivo allontanamento di un soggetto non troppo raccomandabile che frequentava la zona. Nei giorni scorsi, a proposito, ho avuto modo d’incontrare il maresciallo dei carabinieri della caserma di Mattarello, che è direttamente responsabile della zona, e ho parlato con lui: l’ho ringraziato per l’attenzione che dedicano al nostro territorio e ci siamo confrontati riguardo ai fatti accaduti recentemente”.

 

Prevenire è meglio che curare e, allora, cosa può fare il singolo cittadino per tutelare la propria casa, a fronte anche di ladri acrobati, che hanno dimostrato di possedere discrete doti da arrampicatori? “I consigli - conclude la presidentessa della circoscrizione Ravina-Romagnano - sono sempre i soliti, ovvero controllare di aver chiuso in maniera ermetica porte e finestre prima di uscire di casa, dotarsi di un impianto d’allarme e di un portoncino blindato, lasciare una luce accesa nelle ore serali e, soprattutto, prestare massima attenzione a chi s’incontra nei pressi della propria abitazione e alle presenze continuative sospette”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
22 giugno - 16:59
Il consigliere del Pd aveva chiesto spiegazioni sul perché alcuni alberghi trentini sul sito di Visit Trentino invece che la canonica dicitura [...]
Cronaca
22 giugno - 17:18
Sono stati analizzati 1.473 tamponi tra molecolari e antigenici. Ci sono 3 pazienti in terapia intensiva. Oltre 400 mila le dosi di vaccino [...]
Cronaca
22 giugno - 16:39
All'inizio degli anni '60 del secolo scorso, un precursore della libera professione, fra i periti industriali, affermandosi ben presto, per le sue [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato