Contenuto sponsorizzato

Il trattore si ribalta in un fosso, contadino rimane bloccato sotto il volante

L'incidente è avvenuto a Lavis in una campagna dietro alla Gelateria Serafini. Il lavoratore, un dipendente di origine serba, ha avuto la prontezza di "lanciarsi" mentre il trattore si ribaltava rimanendo bloccato solo per un piede

Di Donatello Baldo e Luca Pianesi - 17 luglio 2017 - 12:27

LAVIS. Ha fatto una curva tra i filari della campagna ma il trattore ha perso aderenza ed è caduto in un avvallamento del terreno portandosi dietro il guidatore. L'incidente è avvenuto intorno alle 11.40 a Lavis in una campagna poco dietro alla Gelateria Serafini.

 

Il lavoratore, uno dipendente straniero di origine serba di 50 anni, stava lavorando tra i filari trasportando, nel cassone del mezzo, le asticelle per i filari dei vigneti quando ha dovuto fare una curva a gomito. L'avvallamento del terreno sulla sinistra è stato fatale e ha fatto ribaltare il trattore che è caduto rovesciandosi. L'uomo, però, ha avuto la prontezza di riflessi di "lanciarsi" accompagnando il movimento di caduta del mezzo e così ha evitato di rimanere schiacciato. Gli è rimasto, però, bloccato il piede sotto il volante. Il cassone, vista la difficoltà della manovra, era stato staccato. Per questo non è precipitato anch'esso nella scarpata.

 


 

Sul posto è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco volontari di Lavis, giunti con due mezzi 'polisoccorso' attrezzati con pinze idrauliche e cuscini di sollevamento ad aria, e in supporto anche i permanenti di Trento per aiutare l'uomo a liberarsi. Un'ambulanza del 118 lo ha quindi portato all'Ospedale Santa Chiara, fortunatamente non in gravi condizioni. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri per ricostruire la dinamica dell'incidente. 

 


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato