Contenuto sponsorizzato

La Trentino Guest Card sarà a pagamento. La decisione presa ieri sera dall'Apt

Il  Cda dell'Apt di Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi ha esaminato anche la possibilità di acquisire il ramo fieristico di Trento Fiere ma l'interesse dimostrato è stato pari a zero. Rinviato al primo semestre 2017  la decisione sulla gestione del Mercatino di Natale

Di G.Fin - 11 novembre 2016 - 17:18

TRENTO. Dopo la tassa di soggiorno introdotta lo scorso anno, ora è in arrivo un'altra novità per i turisti che decidono di pernottare a Trento. L'Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, infatti, ha deliberato ieri sera che la Trentino Guest Card sarà a pagamento.

 

La card è da ormai circa tre anni uno dei punti di forza del sistema turistico trentino. Un modo per fare sistema tra le varie offerte del territorio da presentare al turista che ne può usufruire in modo semplice e veloce. Il successo è confermato dai dati. Nel 2016 sono state circa 20 mila le card emesse con circa 50 mila turisti utilizzatori, per un totale di circa 150 mila presenze nell'ambito.

Fino ad oggi i turisti che prenotavano in uno degli hotel aderenti all'iniziativa, ricevevano immediatamente la card gratuitamente personalizzata con il proprio nome per tutta la durata della vacanza. L'altra modalità per ricevere la card era l'acquisto online o presso gli uffici turistici al costo di 40 euro per persona in formula settimanale.

 

La card nel 2016 (da novembre 2015 al 31 ottobre di quest'anno) è stata pagata dall'Apt per intero con finanziamenti provinciali. Il successo della Trentino Guest Card è stato però al di sopra delle aspettative e se da un lato rappresenta un risultato positivo dall'altro, invece, ha creato una certa preoccupazione perché mette a dura prova i fondi dell'Apt per finanziare la carta per il 2017.

Ecco allora che se il 30% dell'importo per coprire i costi ricade sulle strutture ricettive d'ambito in base all'uso e consumo della carta, si è deciso, su richiesta anche di queste ultime e per venire incontro ai loro bisogni, di consentire loro di offrire la Trentino Guest Card, al costo (consigliato) di 5 euro.

 

“Chiaramente la card di sistema - ha affermato Maria Teresa Lanzinger, vicepresidente della sezione Asat, componente del Cda di Apt e titolare dell'hotel America - che noi come Trento interpretiamo come city card, è un qualcosa che abbiamo sempre voluto. Il problema è come applicarla visto le criticità che ci sono per le diverse stagionalità ed esigenze sul territorio”.

L'uso elevato da parte dei turisti della Trentino Guest Card ha portato un cortocircuito dei costi sostenuti dalle strutture. “Ci siamo trovati a sostenere – ha spiegato Lanzinger – costi importanti. Crediamo che la card abbia un valore che però questo venga penalizzato dalla gratuità con la quale fino ad oggi la carta era data ai turisti. Ecco allora che le strutture ricettive hanno chiesto, ed è stato poi approvato, un cambio nella gestione della card che sarà ora offerta a 5 euro”. Un importo che è stato considerato adeguato per coprire, in parte, i costi sostenuti per il progetto. 

 

Sempre ieri sera, nel Cda dell'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, è stata esaminata anche la possibilità di acquisire il ramo fieristico di Trento Fiere. L''interesse dimostrato, però, è stato pari a zero, anche se venisse creata da Patrimonio una tensostruttura in città. Per quanto riguarda la gestione del Mercatino di Natale, invece, una decisione verrà presa nel primo semestre del 2017 anche perché sono emerse criticità che andrebbero superate.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 19:56

Sono stati, purtroppo, comunicati 3 decessi tra Trento, Baselga di Pinè e Ville d'Anaunia: 17 morti in 13 giorni e 18 vittime in questa seconda ondata di Covid-19. Il bilancio complessivo è di 7.649 casi e 488 decessi in Trentino da inizio emergenza

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

22 ottobre - 18:07
Sono stati analizzati 1.231 tamponi, tutti letti dal laboratorio di microbiologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento, 153 i test positivi. Il rapporto contagi/tamponi si alza a 12,4%. E' stata sospesa l'attività di verifica tamponi ai laboratori della Fondazione Mach a causa dell'infezione che è arrivata nella struttura di San Michele
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato