Contenuto sponsorizzato

L'ultimo viaggio di Abodulaye, il profugo che è morto a Trento tra le braccia della solidarietà

Un tumore l'ha stroncato a soli 27 anni . Una famiglia trentina l'ha voluto accogliere in casa per assisterlo fino al suo ultimo giorno

Pubblicato il - 16 novembre 2016 - 14:18

Questa volta, il comunicato stampa della Provincia di Trento, lo mettiamo per intero. Di solito si tratta di note burocratiche, politiche, inerenti l'Amministrazione della Provincia. Ma questa volta il testo che ci è arrivato è carico di umanità e partecipazione e riesce a raccontare molto bene la storia di un viaggio che è iniziato in Senegal per arrivare in Italia con la speranza di un futuro: un futuro che in Trentino si è spezzato perchè Abodulaye, a soli 27 anni, è morto di tumore tra le braccis della famiglia che l'ha voluto ospitare.

 

 

Quando hanno aperto la porta della propria casa ad Abodulaye, richiedente protezione internazionale giunto in Italia dalla Libia, non sapevano che quel prezioso gesto di concreta solidarietà avrebbe richiesto di lì a poco un impegno, una generosità ancora più grande. Ciononostante, scrive il giornalista dell'Ufficio stampa provinciale Andrea Cagol,  quando nel viaggio del giovane senegalese, dopo la violenza, il deserto e il Mediterraneo si è presentata una nuova, terribile sfida, hanno mantenuto tese le loro mani e le hanno strette in un abbraccio ancora più forte. Protagonisti una mamma, un papà e i due loro figli; una famiglia trentina che ha saputo esprimere un'accoglienza profonda, sincera, autentica, fino in fondo.

 

Abodulaye è mancato pochi giorni fa, a soli ventisette anni; un tumore ha interrotto il suo cammino verso una nuova vita qui, in Trentino, dove era arrivato nell'agosto del 2015 con un “viaggio della speranza” partito dal Senegal, il Paese d'origine lasciato per motivi politici. L'accoglienza fra le mura di casa è iniziata verso la fine dello scorso anno e non è mai venuta meno grazie alla disponibilità della famiglia e al sostegno delle diverse realtà impegnate con i profughi coordinate dalla Provincia. Un periodo segnato, per il giovane richiedente asilo, da nostalgia e dolore ma senza mai perdere la speranza grazie all'affetto della famiglia che lo ha ospitato e all'impegno del personale dell'accoglienza e delle strutture sanitarie di Trento e Rovereto. Abodulaye, racconta Cagol, ha coltivato fino all'ultimo istante il sogno di studiare, conoscere, approfondire, laurearsi, migliorarsi, dopo aver imparato velocemente l'italiano frequentando assiduamente i corsi alla Residenza Brennero.

In tanti, dalla famiglia che lo ha accolto agli operatori, dai connazionali ai volontari, si sono attivati per consentirgli di riabbracciare qui in Trentino, prima che fosse troppo tardi, i famigliari più stretti, la mamma e il fratello. E tante sono le persone che gli sono state vicine anche nel suo ultimo viaggio.

Nell'ambito dell'accoglienza straordinaria – fa sapere il Dipartimento salute e solidarietà sociale attraverso il Cinformi sono dodici i profughi che hanno trovato ospitalità presso otto famiglie trentine; alcune di queste esperienze sono ancora in corso. Sono vissuti di incontro, dialogo, straordinaria generosità e condivisione di quella “sensazione di casa” che molti migranti hanno dovuto lasciare al Paese d'origine. Per la famiglia che ha accolto Abodulaye la “sfida” è stata ancora più grande: dare speranza a chi, purtroppo, si stava inesorabilmente spegnendo. A questa famiglia va il più sentito ringraziamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 19:14

La discussione è stata avviata nella Quinta Commissione in Provincia ma il tema era già nato lo scorso anno. Claudio Cia ha presentato un disegno di legge per fare in modo che la scelta del presidente dell'Opera Universitaria ricada in capo solo alla Provincia. Appoggio da parte dell'assessore Bisesti ma è già scontro con le opposizioni  

27 novembre - 08:10

La richiesta arrivata nel 2012 ha permesso ad una società di accedere ai contribuiti di un finanziamento del Fondo europeo di sviluppo regionale. Dovevano essere rispettati dei vincoli ma le indagini della Finanza hanno scoperto che la società non ha mai avuto una sede sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato