Contenuto sponsorizzato

L'ultimo viaggio di Abodulaye, il profugo che è morto a Trento tra le braccia della solidarietà

Un tumore l'ha stroncato a soli 27 anni . Una famiglia trentina l'ha voluto accogliere in casa per assisterlo fino al suo ultimo giorno

Pubblicato il - 16 November 2016 - 14:18

Questa volta, il comunicato stampa della Provincia di Trento, lo mettiamo per intero. Di solito si tratta di note burocratiche, politiche, inerenti l'Amministrazione della Provincia. Ma questa volta il testo che ci è arrivato è carico di umanità e partecipazione e riesce a raccontare molto bene la storia di un viaggio che è iniziato in Senegal per arrivare in Italia con la speranza di un futuro: un futuro che in Trentino si è spezzato perchè Abodulaye, a soli 27 anni, è morto di tumore tra le braccis della famiglia che l'ha voluto ospitare.

 

 

Quando hanno aperto la porta della propria casa ad Abodulaye, richiedente protezione internazionale giunto in Italia dalla Libia, non sapevano che quel prezioso gesto di concreta solidarietà avrebbe richiesto di lì a poco un impegno, una generosità ancora più grande. Ciononostante, scrive il giornalista dell'Ufficio stampa provinciale Andrea Cagol,  quando nel viaggio del giovane senegalese, dopo la violenza, il deserto e il Mediterraneo si è presentata una nuova, terribile sfida, hanno mantenuto tese le loro mani e le hanno strette in un abbraccio ancora più forte. Protagonisti una mamma, un papà e i due loro figli; una famiglia trentina che ha saputo esprimere un'accoglienza profonda, sincera, autentica, fino in fondo.

 

Abodulaye è mancato pochi giorni fa, a soli ventisette anni; un tumore ha interrotto il suo cammino verso una nuova vita qui, in Trentino, dove era arrivato nell'agosto del 2015 con un “viaggio della speranza” partito dal Senegal, il Paese d'origine lasciato per motivi politici. L'accoglienza fra le mura di casa è iniziata verso la fine dello scorso anno e non è mai venuta meno grazie alla disponibilità della famiglia e al sostegno delle diverse realtà impegnate con i profughi coordinate dalla Provincia. Un periodo segnato, per il giovane richiedente asilo, da nostalgia e dolore ma senza mai perdere la speranza grazie all'affetto della famiglia che lo ha ospitato e all'impegno del personale dell'accoglienza e delle strutture sanitarie di Trento e Rovereto. Abodulaye, racconta Cagol, ha coltivato fino all'ultimo istante il sogno di studiare, conoscere, approfondire, laurearsi, migliorarsi, dopo aver imparato velocemente l'italiano frequentando assiduamente i corsi alla Residenza Brennero.

In tanti, dalla famiglia che lo ha accolto agli operatori, dai connazionali ai volontari, si sono attivati per consentirgli di riabbracciare qui in Trentino, prima che fosse troppo tardi, i famigliari più stretti, la mamma e il fratello. E tante sono le persone che gli sono state vicine anche nel suo ultimo viaggio.

Nell'ambito dell'accoglienza straordinaria – fa sapere il Dipartimento salute e solidarietà sociale attraverso il Cinformi sono dodici i profughi che hanno trovato ospitalità presso otto famiglie trentine; alcune di queste esperienze sono ancora in corso. Sono vissuti di incontro, dialogo, straordinaria generosità e condivisione di quella “sensazione di casa” che molti migranti hanno dovuto lasciare al Paese d'origine. Per la famiglia che ha accolto Abodulaye la “sfida” è stata ancora più grande: dare speranza a chi, purtroppo, si stava inesorabilmente spegnendo. A questa famiglia va il più sentito ringraziamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 27 settembre 2022
Telegiornale
27 Sep 2022 - ore 22:18
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 settembre - 10:59
Sulla cima che sorge a un balzo dal rifugio "Telegrafo", l'esercito di Napoleone aveva collocato lo strumento che oggi dà il nome alla [...]
Cronaca
28 settembre - 10:03
Sul posto i carabinieri, difficolto nel traffico con code e rallentamenti 
Politica
28 settembre - 06:01
L’intervista allo storico trentino Francesco Filippi: “Non credo che tutti quelli che hanno votato per Meloni siano dei nostalgici, quello che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato