Contenuto sponsorizzato

Manomette il cronotachigrafo del proprio mezzo: 44enne denunciato e sanzionato per oltre 2 mila euro

L'uomo si trovava alla guida di un autoarticolato ed è stato fermato alle 6.30 del mattino sulla SS47 

Pubblicato il - 07 ottobre 2017 - 09:58

BORGO VALSUGANA.  Sanzioni per violazioni alle norme del Codice della Strada per più di duemila euro, oltre al ritiro della patente di guida e alla denuncia penale alla Procura di Trento. Questo quello che va incontro un cittadino bosniaco di 44 anni. L'uomo alla guida di un autoarticolato è stato fermato alle 6.30 del mattino sulla SS47 da una pattuglia dei carabinieri di Borgo Valsugana.

 

I militari, particolarmente esperti e preparati in questo tipo di attività, hanno iniziato i controlli e dopo il rituale accertamento relativo alla patente di guida ed al libretto di circolazione, sono passati alla stampa dell’ attività giornaliera del mezzo, scaricando i dati dal cronotachigrafo digitale.


Subito, dall’esame dei dati acquisiti, è emersa l'anomalia: il mezzo, in quel momento, risulta essere in modalità riposo e non in marcia. Il conducente, alle richieste di spiegazioni da parte dei militari, non ha saputo dare alcuna spiegazione.

 

Si è quindi proceduto all'ispezionare del mezzo durante la quale i carabinieri hanno scoperto l’arcano: una semplice calamita che, applicata sul bulbo di trasmissione di velocità e dati del motore, alterava la funzione del cronotachigrafo digitale, facendogli registrare un periodo di riposo anziché di lavoro.

L'uomo è stato denunciato per “rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro” ricevendo, come già detto, una multa e il ritiro della patente. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

25 febbraio - 20:46

L'allerta è stata lanciata intorno alle 19 sotto il rifugio Marchetti. La macchina dei soccorsi è entrata subito in azione per il timore che potessero esserci persone travolte e sommerse dalla neve

25 febbraio - 19:34

L'allerta è scattata intorno alle 18.30 di oggi nella zona del lago Pudro a Madrano. Un'area di circa 13 ettari, occupata per la maggior parte da una torbiera e situata a circa 1 chilometro da Pergine. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato