Contenuto sponsorizzato

Manomette il cronotachigrafo del proprio mezzo: 44enne denunciato e sanzionato per oltre 2 mila euro

L'uomo si trovava alla guida di un autoarticolato ed è stato fermato alle 6.30 del mattino sulla SS47 

Pubblicato il - 07 ottobre 2017 - 09:58

BORGO VALSUGANA.  Sanzioni per violazioni alle norme del Codice della Strada per più di duemila euro, oltre al ritiro della patente di guida e alla denuncia penale alla Procura di Trento. Questo quello che va incontro un cittadino bosniaco di 44 anni. L'uomo alla guida di un autoarticolato è stato fermato alle 6.30 del mattino sulla SS47 da una pattuglia dei carabinieri di Borgo Valsugana.

 

I militari, particolarmente esperti e preparati in questo tipo di attività, hanno iniziato i controlli e dopo il rituale accertamento relativo alla patente di guida ed al libretto di circolazione, sono passati alla stampa dell’ attività giornaliera del mezzo, scaricando i dati dal cronotachigrafo digitale.

Subito, dall’esame dei dati acquisiti, è emersa l'anomalia: il mezzo, in quel momento, risulta essere in modalità riposo e non in marcia. Il conducente, alle richieste di spiegazioni da parte dei militari, non ha saputo dare alcuna spiegazione.

 

Si è quindi proceduto all'ispezionare del mezzo durante la quale i carabinieri hanno scoperto l’arcano: una semplice calamita che, applicata sul bulbo di trasmissione di velocità e dati del motore, alterava la funzione del cronotachigrafo digitale, facendogli registrare un periodo di riposo anziché di lavoro.

L'uomo è stato denunciato per “rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro” ricevendo, come già detto, una multa e il ritiro della patente. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 04:01

In queste ore i vertici dell'Ordine dei medici sono scesi in campo per evidenziare preoccupazioni, riportare perplessità e criticità del sistema, ma anche proposte per migliorare la situazione in questa fase delicata della seconda ondata di Covid-19. Un settore attenzionato è quello delle Rsa

28 ottobre - 09:32

L’appello del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie: “Si mettano da parte le eventuali divergenze e si collabori al massimo. La difesa della salute e la protezione della vita per tutelare anche l’economia deve rimanere il nostro punto fermo”

27 ottobre - 19:18

Da oltre 40 anni, ogni mattina, il Panificio Vivori di Volano porta a casa dei suoi clienti il pane appena sfornato per far vivere il piacere di una buona colazione salutare. Una tradizione che si rinnova nei giorni della pandemia. La panettiera Alessia Vivori: "Vogliamo offrire un servizio in più per tutte quelle persone affannate dagli impegni quotidiani, affinché riescano anche loro a godersi a casa loro la gioia del buon pane"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato