Contenuto sponsorizzato

Muore il centauro dopo lo scontro ad Ala. Lascia una bimba di 9 mesi

L'incidente era avvenuto sabato scorso.  Ieri mattina è stata dichiarata la morte cerebrale e la moglie ha autorizzato la donazione degli organi

Pubblicato il - 15 July 2017 - 09:56

TRENTO. Non ce l'ha fatta purtroppo il trentanovenne motociclista rimasto gravemente ferito l’8 luglio in un incidente stradale a Santa Margherita di Ala.

 

Le ferite riportate da Rolando Saccoman nello scontro avvenuto con un'auto, sono state fin da subito giudicate gravi e l'uomo è deceduto ieri pomeriggio all'ospedale Santa Chiara.

 

L'incidente era avvenuto sabato scorso, attorno alle 18, quando Saccoman si è scontrato con un'auto, guidata da un giovane di 21 anni, che proveniva nell'altro senso di marcia all'altezza di Santa Margherita di Ala. Un impatto che aveva fatto sbalzare il centauro per diversi metri.

 

L'uomo, residente a Cerea, in provincia di Verona, padre di una bambina nata lo scorso ottobre, si trovava in uno stato di coma giudicato irreversibile dai medici. Ieri mattina è stata dichiarata la morte cerebrale e la moglie ha autorizzato la donazione degli organi.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato