Contenuto sponsorizzato

Muore nel parcheggio dell'Obi di via Brennero un uomo di 63 anni. Probabile malore

Dopo un'ora di incessanti manovre di rianimazione non si è potuto fare altro che constatare il decesso. Sul posto ambulanze del 118 e polizia

Pubblicato il - 19 April 2017 - 19:49

TRENTO. E' morto dopo un'ora di incessante massaggio cardiaco. Per l'uomo di 63 anni che aveva appena fatto acquisti presso l'Obi di via Brennero non c'è stato niente da fare se non constatare l'avvenuto decesso dopo che i medici rianimatori hanno tentato l'impossibile. 

 

Verso le 18.15, appena uscito dalla porta che dà sul parcheggio interno, si è accasciato battendo violentemente la testa. Sembra improbabile che si sia inciampato, sembra piuttosto che all'origine della caduta ci sia un malore.

 

Dopo che alcuni testimoni hanno dato l'allarme, un medico che in quel momento stava facendo acquisti nel negozio ha provveduto a prestare i primi soccorsi, iniziando da subito le manovre di rianimazione in attesa dell'ambulanza che è intervenuta con a bordo l'equipe medica.

 

Per un'ora il tentativo di far rinvenire l'uomo non si è mai fermato, mentre alcuni clienti passavano vicino al corpo dell'uomo per raggiungere le automobili parcheggiate e altri preferivano raggiungere il parcheggio facendo il giro più largo per non assistere alla scena straziante della rianimazione. 

 

Quando i medici hanno deciso di fermarsi, sul corpo dell'uomo è stato steso il telo bianco in attesa dei familiari - avvertiti del malore e giunti poi sul posto - e della polizia per i rilievi necessari.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 January - 16:14

Sono stati trovati 135 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale. Analizzati poco più di 2.600 test. Ci sono 88 guarigioni. Il rapporto contagi/tamponi sopra il 5%

17 January - 16:26

Come se davvero l'informazione fosse solo un prodotto economico sostituibile con un altro oggi gli abbonati al quotidiano chiuso venerdì quasi fosse una fabbrica di fine '800, dal giorno alla notte, si sono trovati abbonati a quello che era il giornale concorrente. Intanto Cossali e Paissan si rivolgono alla narcotizzata società trentina: ''Diamo vita a un progetto nuovo per non perdere una voce così importante''

17 January - 13:15

La Pfizer ha comunicato, senza alcun preavviso, nel pomeriggio di venerdì 15 gennaio, che avrebbe unilateralmente ridotto le fiale destinate all’Italia nel corso della prossima settimana del 29%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato