Contenuto sponsorizzato

Nato nel 2000, il Palio delle Contrade è il pioniere delle feste monotematiche

Il Palio delle Contrade si prende un anno sabbatico forzato. Nasce da un vero avvenimento storico: la battaglia vinta dal Trentino contro la Serenissima Repubblica di Venezia

Di Luca Andreazza - 07 settembre 2016 - 14:57

TRENTO. Palio delle Contrade. Il 2016 perde uno degli appuntamenti storici di Trento. Quindici edizioni alle spalle e riconoscimento a livello internazionale e nazionale. La città vede sfumare 20.000 persone nel week-end del Palio per un milione di indotto fra bar, ristoranti e alberghi cittadini. Visitatori da ogni parte d'Italia, ma anche da Germania, Inghilterra e Austria.

 

“Il Palio delle Contrade rappresenta per la nostra associazione Amici della città un momento di festa finale per la nostra attività nel corso dell'anno. - afferma Stefano Grassi, presidente del comitato organizzatore Amici della città – Un momento a nostro avviso importante per la promozione aggregativa e sociale con come punto di partenza un fatto storico realmente accaduto e decisivo per la storia delle nostre tradizioni”.

 

Il Palio delle Contrade affonda infatti le radici nella battaglia combattuta ai piedi di Castel Beseno, quando il 10 agosto 1487 il Principato Vescovile di Trento e le forze della Confederazione Tirolese ottennero una storica vittoria sulla Serenissima Repubblica di Venezia in espansione verso Trento.

Il Palio della Contrade

 

“Questo importante evento bellico ed i successivi festeggiamenti della vittoria istituiti dalla Contrade sono la radice storica restituita alla città dalla disfida del Palio – prosegue Grassi - Il Palio riprende infatti i festeggiamenti di quella vittoria, che inoltre si sono protratti puntualmente fino al 1919. La fiera comprendeva inoltre sfilate e manifestazioni, coreografie, gare di tiro a segno e tanto altro”.

 

L'associazione Amici della città ha verificato minuziosamente gli aspetti storici e ricostruito fedelmente l'abbigliamento: “Nel 1999 abbiamo ristabilito le contrade e già nel 2000 Siamo stati i primi organizzatori nell'intera provincia a proporre una festa monotematica, in questa caso medievale e dopo 15 anni cala il sipario, con la speranza di esserci l'1, 2 e 3 settembre 2017” - conclude il presidente dell'associazione - “Si tratta di un importante fatto storico e sono tanti i segni in Trentino, come il monumento onorario presso l'altare grande in Duomo, le pale al Castello del Buoncosiglio e nella chiesa parrocchiale di Calliano oppure il Codice Clesiano, ma anche all'estero come la testimonianza nella chiesa di corte di Innsbruck”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

27 gennaio - 21:02

Il deputato della Lega ha incassato l'interessamento dell'associazione Millions of friend in Romania a valutare la possibilità di ospitare un orso attualmente rinchiuso al Casteller. Maturi: "Ora bisognerà comprendere le eventuali incombenze burocratiche e perfezionare eventuali accordi, ma possiamo serenamente affermare che da oggi c'è un cambio di passo"

27 gennaio - 19:08

Nella frazione tionese di Saone campeggia ancora una via dedicata al gerarca fascista Italo Balbo. Il responsabile trentino dell'Uaar Giacomini ha scritto una lettera aperta al Comune affinché si cambi: "E' una manganellata alla memoria dei trentini". Il sindaco di Tione Eugenio Antolini: "Se ci verrà posta la questione, valuteremo il da farsi"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato