Contenuto sponsorizzato

Piedicastello, questa sera la presentazione dei lavori alla cittadinanza. Sarà demolita l'ex tangenziale. Ecco come diventerà l'antico borgo

La conclusione dell'intervento è prevista per ottobre 2018. Questa sera l'incontro per illustrare le varie fasi operative 

Pubblicato il - 26 aprile 2017 - 15:28

TRENTO. Erano attesi da moltissimo tempo, da parte della cittadinanza, i lavori di riqualificazione di Piedicastello, uno dei quartieri più antichi e caratteristici della città di Trento. La prima fase è iniziata con la sistemazione del cantiere ed entro ottobre 2018 si arriverà ad una completa riqualificazione dell'antico borgo di Trento.

 

Proprio questa sera, presso la sala circoscrizionale di via Verruca, saranno illustrate ai residenti dai tecnici comunali e dall'assessore Italo Gilmozzi le varie fase operative.

“L'obiettivo – ha ricordato l'ingegnere Bruno Delaiti – è quello di eliminare la tangenziale, l'infrastruttura che per 40 anni ha diviso in maniera netta il quartiere in due parti sia dal punto di vista urbanistico che sociale. Solo in questo modo si potrà ristabilire ristabilire il collegamento tra la chiesa, la piazza, il museo storico e la scuola materna. I primi interventi saranno nella zona a sud della rotatoria e riguarderanno lo spostamento e sistemazione dei sottoservizi”.

 

L'importo complessivo dei lavori e di 3,5 milioni di euro e l'area oggetto dell'intervento è ricompresa fra il fiume Adige ad est, via Papiria a sud e a ovest e l'edificato storico del sobborgo di Piedicastello a nord.

Viabilità, Piazza centrale e rotatoria

Il progetto prevede, come già detto, lo smantellamento della rotatoria sulla ex tangenziale con demolizione delle rampe verso sud e verso ovest e la realizzazione di una rotatoria urbana atta a garantire un corretto smaltimento dei flussi in ingresso e uscita. Vengono previsti percorsi pedonali alberati, una fermata del mezzo pubblico mentre vengono mantenuti i parcheggi presenti lungo via Brescia sul lato sud della stessa (fronte attività commerciali). Sulla rotatoria si innesteranno, oltre al ponte di S. Lorenzo e a via Brescia, anche lung'Adige Apuleio, che è interessato dai lavori solamente per l'innesto in rotatoria, e lung'Adige S. Nicolò.

 

Il progetto prevede l'ampliamento del sistema piazza verso la canonica con la realizzazione di una pavimentazione in porfido in leggera pendenza verso est. Il vicolo di Piedicastello, attualmente viabile, verrà reso pedonale e pavimentato in cubetti di porfido; tale pavimentazione si unirà nella piazza a quella dei due marciapiedi, a costituire un'area continua. La rimodellazione del profilo della piazza implicherà la rivisitazione completa delle quote della piazza stessa a tal punto che, in accordo con la canonica, è stata decisa l'eliminazione del muro di pietra delimitante la sede della canonica. Tale soluzione permette un ottimale raccordo, a mezzo rampa, con il sagrato.

La piazza sarà collegata al ponte di San Lorenzo e a via Brescia nella zona adiacente la canonica, tramite una scalinata ed un percorso pedonale di collegamento tra i due livelli. Un altro collegamento pedonale tra la piazza e la rotatoria del ponte di san Lorenzo sarà costituito dal marciapiede lungo via Brescia.

 

Nell'area compresa tra la piazza e l'accesso al Museo Storico “le Gallerie” è stata progettata un'ampia zona a verde e un percorso pedonale diretto verso l'entrata del Museo/Gallerie. Nell'area a verde è inserita una zona giochi per bambini, costituita da pavimentazione di gomma colorata nelle tonalità delle terre, sulla quale saranno installati vari giochi ed alcune panchine. Il percorso pedonale di accesso al Museo Storico sarà pavimentato in cubetti di porfido e sarà affiancato da un'aiuola alberata. Lungo il suo lato sud verranno piantumati dei cipressi, riproposti anche nell'attiguo prato parrocchiale.

 

Nella parte nord della zona a verde, antistante la scuola materna, verrà realizzato un piccolo parcheggio con cinque posti auto, di cui uno per disabili. Il progetto prevede la pavimentazione del vicolo di Piedicastello e la pavimentazione del percorso pedonale vicino alla scuola materna fino a via Dos Trento. Ci sarà una rivisitazione della rotatoria. L'aiuola centrale verrà piantumata con cipressi e arbusti. Nel lato sud di via Brescia ci sarà un percorso ciclabile e percorso pedonale. 

 

Parcheggio e riqualificazione zona via Papiria e via Verruca

Il progetto prevede complessivamente un numero di 150 posti auto con un saldo, per gli abitanti del sobborgo, positivo. E' stato previsto di realizzare un anello veicolare a senso unico lungo la via Papiria – via Verruca con ritorno su via Papiria ricavando un parcheggio alberato nell'area in fregio alla nuova rotatoria e ridisegnando parzialmente il parcheggio nell'area a fianco dell'ex Italcementi.

 

In tal modo vengono ricavati un numero adeguato di parcheggi a servizio del sobborgo, della scuola materna e della chiesa e nel contempo è previsto il rifacimento dei marciapiedi lungo le vie, ampliandoli e regolarizzandoli con pavimentazione in asfalto. I parcheggi verranno collegati al percorso pedonale lungo Lung'Adige San Nicolò in tre punti: tramite due scalinate in prossimità della rotatoria e con un percorso pedonale pavimentato in cubetti verso sud, all'ingresso dell'ex Italcementi.

 

Sistemazione dei collegamenti acque bianche e nere

Si è ritenuto opportuno rinnovare le tubazioni per il deflusso delle acque bianche e delle nere adottando nuovi materiali ed in particolare calcestruzzo armato centrifugato per le prime e polipropilene per le seconde, adeguando i diametri per maggiore garanzia. Verrà realizzata una nuova stazione di sollevamento delle acque nere, posizionata sul sedime dell'ex tangenziale ce servirà in futuro anche i collettori provenienti dall'area di riqualificazione dell' ”ex Italcementi”.

Impianto di illuminazione pubblica

L'impianto di illuminazione pubblica a servizio dell'intera area oggetto dei lavori sarà sostanzialmente sostituito per la quasi totalità dei punti luce attualmente presenti, scegliendo lampade che garantiscono un ottimo rendimento illuminamento/consumo, rispondenti alle nuove normative in campo di risparmio energetico ed inquinamento luminoso. Nel nucleo storico si vuole valorizzare, anche con i nuovi punti luce, l'area proponendo un tipo di punto luce ormai caratteristico del centro storico di Trento.

 

 

Ecco le fasi dei lavori:

 

1° FASE: da giorno 0 a giorno 105

 

  • allestimento cantiere;
  • chiusura Lungadige San Niccolò direzione sud e divieto di svolta a destra da Lungadige Apuleio verso via Brescia ad eccezione degli autobus; mantenimento di via Brescia a doppio senso di marcia e mantenimento della corsia nord di Lungadige San Niccolò con immissione sul ponte di San Lorenzo;
  • spostamento sottoservizi;
  • realizzazione nuova stazione di sollevamento delle fognature nere;
  • inizio fasi di demolizione dello svincolo attuale;

 

2° FASE: da giorno 105 a giorno 128

 

  • chiusura della corsia nord di Lungadige San Niccolo;
  • completamento fognature nere e messa in servizio della nuova stazione di sollevamento;
  • completamento demolizione rampe dello svincolo attuale;
  • realizzazione nuova via Brescia verso il ponte di San Lorenzo;

 

3° FASE: da giorno 128 a giorno 197

 

  • riapertura della corsia nord del Lungadige San Niccolò verso il ponte di San Lorenzo;
  • realizzazione opere stradali e parcheggio lato via Vason- via Verruca;
  • spostamento di via Brescia sul nuovo tracciato planimetrico senza interruzione del traffico sulla medesima via;
  • completamento demolizione dello svincolo attuale lato piazza Canonica;

 

 

4° FASE: da giorno 179 a giorno 256

  • apertura della semirotatoria verso sud e del Lungadige San Niccolò in posizione definitiva nei due sensi di marcia;
  • apertura parcheggio lato via Vason- via Verruca;
  • chiusura di via Papiria da incrocio con via Verruca verso sud e chiusura di via Vason per rifacimento fognature, marciapiedi e parcheggi;
  • realizzazione opere di arredo a verde e pedonale da via Brescia verso la Piazza;
  • chiusura dell'accesso alla piazza di Piedicastello da via Brescia per rifacimento sottoservizi e pavimentazioni;

 

5° FASE: da giorno 243 a giorno 317

 

  • riapertura di via Papiria e via Vason e chiusura di via Verruca per rifacimento sottoservizi e pavimentazioni;
  • realizzazione collegamenti ciclabili e pedonali lungo via Brescia a sud e Lungadige San Niccolò;
  • apertura dell'accesso alla piazza di Piedicastello da via Brescia con chiusura della parte est della piazza per rifacimento sottoservizi e pavimentazioni e percorso pedonale fronte attività commerciali della piazza;
  • apertura della nuova rotatoria completa con tutte le possibili manovre di immissione;

 

6° FASE: da giorno 243 a giorno 394

 

  • apertura della viabilità definitiva a senso unico di via Vason – via Verruca con rifacimento marciapiedi di quest'ultima via;
  • sistemazione marciapiede di via Brescia lato sud;
  • realizzazione della parte di piazza di Piedicastello fra la Canonica e la Chiesa di Sant'Apollinare con raccordo su Lungadige Apuleio;

 

7° FASE: da giorno 370 a giorno 491

 

  • smantellamento area di cantiere con completamento della piazza verso le Gallerie di Piedicastello e realizzazione dell'area a verde;
  • completamento lavori su via Papiria;

 

8° FASE: da giorno 403 a giorno 540

 

  • rifacimento sottoservizi e pavimentazioni in via Dos Trento zona Scuola Materna e nel Vicolo di Piedicastello;
  • completamento marciapiedi di via Brescia lato nord;
  • opere di completamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 18:54

Il governatore in vista ad Ala attacca la precedente amministrazione provinciale: "Sono stati inconcludenti. Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, noi ci prenderemo le nostre, ma i cittadini non possono correre simili rischi"

20 gennaio - 16:00

L'assessora preoccupata dal fatto che nel 2017 gli aborti in Trentino sono stati 703 mentre nel 2016 erano stati 684. Una minima crescita su base annuale che, ovviamente, ai fini statistici non ha valore mentre il dato resta comunque il secondo più basso di sempre. Nel 2007 erano quasi 1.300

20 gennaio - 19:07

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato