Contenuto sponsorizzato

Prima urla, pugni su porte e finestre e poi tenta di aggredire i carabinieri. Denunciato un 23enne

E' successo a Borgo Valsugana. Il giovane, visibilmente ubriaco, è stato portato in ospedale e poi denunciato 

Pubblicato il - 17 August 2017 - 09:27

BORGO VALSUGANA. E' stato denunciato all'Autorità giudiziaria il giovane di 23 anni che nei giorni di ponte di Ferragosto ha creato non pochi problemi a Borgo Valsugana.

 

Il giovane, infatti, di notte si è messo ad urlare per le vie centrali di Borgo, fra abitazioni e negozi chiusi, dando pugni su porte e finestre.

 

Immediatamente da parte dei cittadini sono giunte al 112 diverse chiamate che hanno portato l'invio di una pattuglia. I carabinieri del Nucleo Radiomobile, dopo aver raggiunto il cittadino romeno, hanno in un primo momento tentato di fermarlo pur trovandoselo davanti ubriaco.

 

La reazione di quest'ultimo, però, è stata violenta. Ha tentato di colpire con calci e pugni gli agenti che solo grazie all'esperienza sono riusciti ad evitare che la situazione degenerasse. Una volta fermato, il 23enne ancora agitato è stato accompagnato in ospedale e successivamente è stato denunciato

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato