Contenuto sponsorizzato

Profughi, in Trentino sono in totale 1.440 persone

Ecco i nuovi dati aggiornati forniti da Cinformi. Il 73% è originario dell'Africa subsahariana (Nigeria, Mali, Gambia)

Pubblicato il - 05 dicembre 2016 - 02:41

TRENTO. I richiedenti protezione internazionale accolti in Trentino, al 29 novembre, sono in totale 1.440 persone compreso lo Sprar (quota spettante 1.474).

 

Di questi, 1.240 sono in accoglienza straordinaria, 149 fanno parte del progetto Sprar (Sistema protezione richiedenti asilo e rifugiati) e 51 altri progetti. Sono invece 54, tra i richiedenti asilo, i minori non accompagnati che vengono ospitati sul nostro territorio.

 

I profughi sono distribuiti in 45 territori comunali diversi; la maggioranza dei migranti accolti (67%) si trova nei comuni di Trento e Rovereto. Il 53% del totale dei profughi è alloggiato in strutture collettive di prima accoglienza, mentre il 47% dei migranti si trova in appartamenti sul territorio da circa 4 persone.

Per quanto riguarda le provenienze, il 73% è originario dell'Africa subsahariana (Nigeria, Mali, Gambia) e il restante dall'Asia (Pakistan, Bangladesh, Afghanistan). La componente femminile si attesta sul 15% del totale dei richiedenti protezione internazionale accolti in Trentino.

 

Sulla base di un accordo Stato Regioni i migranti vengono distribuiti sul territorio nazionale in proporzione agli abitanti e al Trentino spetta circa lo 0,9% delle persone accolte a livello nazionale.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 11:46

Nel bollettino quotidiano dell'azienda sanitaria altoatesina, i numeri del contagio continuano a segnare cifre importanti. Sono 437 i nuovi positivi su quasi 3500 tamponi, mentre le morti salgono ancora con 7 decessi. Da inizio epidemia le vittime sono state 530 (235 nella sola seconda ondata)

29 novembre - 09:56

Andrea Weiss (Apt val di Fassa): "Un comparto fondamentale nel breve termine dobbiamo prepararci. La promozione? Delicatissima, ci sono tanti morti e si rischia di urtare la sensibilità del turista. Si potrebbe guardare poi a Francia e Germania per il futuro della strutturazione delle ferie italiane"

29 novembre - 08:53

In dieci hanno deciso di organizzare una protesta, pacifica ma decisamente rumorosa, e ora si sono ritrovati nei guai con una denuncia all’autorità giudiziaria per manifestazione abusiva e disturbo alle persone

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato