Contenuto sponsorizzato

Profughi, in Trentino sono in totale 1.440 persone

Ecco i nuovi dati aggiornati forniti da Cinformi. Il 73% è originario dell'Africa subsahariana (Nigeria, Mali, Gambia)

Pubblicato il - 05 dicembre 2016 - 02:41

TRENTO. I richiedenti protezione internazionale accolti in Trentino, al 29 novembre, sono in totale 1.440 persone compreso lo Sprar (quota spettante 1.474).

 

Di questi, 1.240 sono in accoglienza straordinaria, 149 fanno parte del progetto Sprar (Sistema protezione richiedenti asilo e rifugiati) e 51 altri progetti. Sono invece 54, tra i richiedenti asilo, i minori non accompagnati che vengono ospitati sul nostro territorio.

 

I profughi sono distribuiti in 45 territori comunali diversi; la maggioranza dei migranti accolti (67%) si trova nei comuni di Trento e Rovereto. Il 53% del totale dei profughi è alloggiato in strutture collettive di prima accoglienza, mentre il 47% dei migranti si trova in appartamenti sul territorio da circa 4 persone.

Per quanto riguarda le provenienze, il 73% è originario dell'Africa subsahariana (Nigeria, Mali, Gambia) e il restante dall'Asia (Pakistan, Bangladesh, Afghanistan). La componente femminile si attesta sul 15% del totale dei richiedenti protezione internazionale accolti in Trentino.

 

Sulla base di un accordo Stato Regioni i migranti vengono distribuiti sul territorio nazionale in proporzione agli abitanti e al Trentino spetta circa lo 0,9% delle persone accolte a livello nazionale.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 09:53

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.916 tamponi. Sono stati registrati 72 nuovi casi positivi

18 settembre - 10:40

A distanza di 4 mesi dalla terribile vicenda, l'associazione Naturtreff Eisvogel ha fornito degli aggiornamenti sul caso: "Grazie all'aiuto della popolazione locale sono già state raccolte numerose informazioni. Varie unità speciali hanno ispezionato la scena del delitto, raccogliendo diverse tracce ed eseguendo un'autopsia sulla carcassa dell'uccello"

18 settembre - 12:14

La sospensione di 15 giorni consegue ad una serie di fatti, avvenuti in orario serale e notturno che vanno dalle risse al disturbo della pubblica quiete, al degrado urbano, alle violazioni di norme poste a presidio della serena convivenza, nonché alla palese e grave inosservanza delle disposizioni di contenimento della diffusione del contagio da covid19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato