Contenuto sponsorizzato

A Rovereto dal sangue la produzione di colliri per la cura delle patologie dell'occhio

Il collirio servirà per curare la secchezza oculare nelle forme importanti e scarsamente rispondenti ad altre terapie

Pubblicato il - 04 October 2017 - 16:52

ROVERETO. Un preparato che servirà per curare la secchezza oculare nelle forme importanti e scarsamente rispondenti ad altre terapie. A produrlo, da fine settembre, e il Centro trasfusionale di Rovereto, in accordo con gli specialisti dell’Unità operativa multizonale di oculistica. Si tratta del siero collirio autologo.

 

Da alcuni anni sono stati introdotti nella pratica oculistica trattamenti per le patologie infiammatorie della cornea e della congiuntiva che consistono nell’instillazione di colliri contenenti fattori di crescita piastrinici (emocomponenti) che sono ottenuti dalla lavorazione del sangue intero raccolto in appositi dispositivi medici.

 

Questi colliri comprendono il concentrato piastrinico ad uso non trasfusionale (comunemente chiamato PRP collirio) e il siero collirio, che può derivare da sangue intero autologo (il donatore è il paziente stesso) o, in casi particolari, da sangue intero prelevato a donatori. Il siero collirio contiene, inoltre, fibronectina e vitamine che contribuiscono all’integrità della superficie oculare svolgendo un effetto epitelio trofico, per cui l’utilizzo è raccomandato anche nelle forme di difetti epiteliali ricorrenti come la sindrome di Sjogren e in tutte quelle situazioni cliniche in cui diventa necessario favorire i naturali processi riparativi e rigenerativi della superficie oculare come ad esempio le ulcere corneali, le abrasioni ricorrenti.

 

In particolare il siero collirio autologo o autosiero viene preparato su indicazione dello specialista oculista e si ottiene tramite un prelievo di circa 200 ml di sangue del paziente, che viene centrifugato e trattato per ottenere circa 45 confezioni di collirio monodose.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 March - 18:14

Si attendono le nuove classificazioni. La curva del contagio è in crescita a livello nazionale e la prospettiva è quella di diversi cambi di zona. Il Trentino dovrebbe restare in zona arancione e la Pat conferma l'intenzione di proseguire con la didattica in presenza al 50%

04 March - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

04 March - 19:19

Sbarcati con un verricello di 20 metri tecnico di elisoccorso, soccorritore e medico, non è restato che constatare il decesso dell'uomo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato