Contenuto sponsorizzato

Sbranate sette pecore a Cavedine, si sospetta sia stato l'orso

Il plantigrado avrebbe attaccato dieci pecore e un capretto tra questa notte e l'alba di questa mattina. Sul posto l'azienda forestale Vallelaghi e il personale sanitario dell'Usl

Di Luca Andreazza - 11 April 2017 - 13:15

CAVEDINE. Sette pecore sono state probabilmente uccise dall'orso tra questa notte e l'alba di questa mattina in zona Brusino. Sul posto l'azienda forestale Vallelaghi e il personale Usl dei servizi sanitari per rimuovere le carcasse e confermare se possa essere stato effettivamente il plantigrado a sbranare gli animali. La Provincia sta indagando, c'è la certezza non si tratti di un cane, in quanto secondo le prime informazioni la distanza dei canini indirizza i primi sospetti sull'orso oppure su un lupo.

 

Una visita che preoccupa il paese in quanto il plantigrado si sarebbe avvicinato molto all'abitato eludendo inoltre la recinzione elettrica posta a protezione del gregge. Orso oppure lupo, si tratta di un duro colpo per l'attività del titolare dell'azienda di soli 22 anni che si è visto dimezzare il proprio contigente: l'animale avrebbe attaccato tutto il gregge composto da dieci pecore e un capretto, gli animali feriti sono sotto le cure del personale specializzato.

 

Il timore è che l'animale possa ripresentarsi nelle prossime notti per terminare il lavoro iniziato, mentre probabilmente l'azienda forestale posizionerà alcune foto trappole per monitorare gli spostamenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 12:01

Il criterio dei 10 anni di residenza per accedere agli alloggi Itea era stato definito dai giudici “discriminatorio”: ora la Corte di Appello ha bocciato anche il ricorso della Pat, con quest’ultima che dovrà pagare 50 euro di sanzione per ogni giorno di ritardo. L’assemblea Antirazzista: “È stato ristabilito un principio di equità e di antidiscriminazione contenuto nelle direttive europee”

16 gennaio - 10:32

Il Dolomiti vi accompagna in un viaggio tra i luoghi della musica in Trentino, con delle video-interviste in cui le band locali si raccontano, tra la speranza di sfondare gli angusti confini provinciali e le difficoltà di suonare nelle valli. Davide Leveghi e Aaron Giordani cercano dunque di rispondere a una domanda: dove si trova il rock in Trentino?

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato