Contenuto sponsorizzato

Scopre di avere un contratto di energia a suo nome, fa denuncia e i carabinieri trovano un covo di spacciatori

Un uomo ha denunciato l'esistenza di un contratto di energia elettrica a suo nome in un appartamento a Trento. Nell'eseguire dei controlli nell'appartamento in via Don Sordo i Carabinieri hanno trovato due spacciatori e un terzo ragazzo colpito da decreto di espulsione

Pubblicato il - 11 August 2017 - 16:40

TRENTO. Sono state denunciati in stato di libertà due cittadini di 20 e 30 anni di nazionalità tunisina e un connazionale di 27 anni perché in possesso di stupefacenti e per la presenza irregolare in Italia.

 

A condurre l'operazione sono stati i carabinieri di Trento nel corso di una verifica effettuata all'interno di un appartamento, a seguito di una denuncia presentata da un cittadino albanese che aveva scoperto di essere intestatario, proprio in quell'appartamento, di un contratto per la fornitura di energia elettrica pur non avendoci mai vissuto.

 

Nel controllare l'appartamento i carabinieri hanno trovato i due giovani di 20 e 30 anni in possesso rispettivamente di 18 grammi di eroina e 8 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e circa 1000 euro in contanti che arriverebbero dall'attività di spaccio della sostanza stupefacente.

 

Nell'ambito del controllo è stato deferito per inosservanza del decreto di espulsione del Questore di Trento anche un loro connazionale di 27 anni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 March - 09:23

La campagna vaccinale sta procedendo troppo lentamente la “ricetta” di Ferro per cambiare passo: “Recuperare più dosi e valutare la possibilità di offrire un’unica somministrazione alla popolazione tra i 65 e 79 anni in modo da riuscire in fretta a coprire questa coorte di età”

02 March - 08:38

La lite scoppiata in mezzo alla strada ha coinvolto 12 persone. All’arrivo dei carabinieri gli animi si sono calmati ma tutti dovranno mettere mano al portafoglio perché sono stati sanzionati per non aver rispettato le prescrizioni su distanziamento, coprifuoco e utilizzo delle mascherine

02 March - 05:01

La vicenda risale all'agosto del 2018 a Sirmione. Nel corso della manovra una turista tedesca era stata schiacciata dal pullman, poi era deceduta in ospedale. Per i giudici non c'è stata negligenza o imperizia da parte del conducente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato