Contenuto sponsorizzato

Si spaventa per l'auto in retromarcia, uomo in scooter finisce a terra davanti all'ambulatorio, subito soccorso

L'incidente è avvenuto intorno alle 11 in via Grazioli. L'uomo è sempre stato cosciente, ma piede e gamba sono rimasti incastrati sotto il motorino

Pubblicato il - 08 giugno 2017 - 11:06

TRENTO. Incidente intorno alle 11 in via Grazioli a Trento, all'altezza del Ristorante pizzeria Veruschka, quando un uomo a bordo del proprio scooter è finito a terra.

 

Secondo le prime ricostruzioni, la dinamica vede l'uomo percorrere via Grazioli in sella al motorino, quando, probabilmente allarmato da una vettura in manovra per uscire da un parcheggio, ha perso il controllo del veicolo finendo a terra nel tentativo di evitare l'impatto con l'auto in retromarcia.

 

L'uomo è sempre stato cosciente, ma piede e gamba sono rimasti incastrati sotto il motorino: fortunatamente alcune persone competenti, che esercitano la propria attività medica proprio in via Grazioli, si sono immediatamente accorti dell'incidente, prestando immediatamente il primo soccorso.

 

Pochi minuti dopo sono intervenute quindi due ambulanze per stabilizzare il ferito e la polizia locale per effettuare i rilievi e ricostruire la dinamica.


 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 09:34

L’uscita è prevista per il prossimo 26 maggio, sulla piattaforma Netflix. Essendo Baggio originario di Vicenza la decisione di girare il film in Trentino aveva creato molta discussione 

05 marzo - 10:20

L'Azienda sanitaria altoatesina ha consegnato il referto di Cornel Strüning in Procura. L'uomo, un 63enne odontoiatra all'ospedale di Bressanone, è deceduto per un ictus dopo 3 settimane dalla conclusione del ciclo vaccinale. Il fatto è stato denunciato da un collega, che su facebook ha pubblicato un video in cui denuncia un nesso causale tra il vaccino e la sua morte

05 marzo - 05:01

Il tasso di contagio è oltre i 250 casi ogni 100 mila abitanti, l'intenzione della Pat è comunque quella di continuare con la scuola al 50% in presenza. I sindacati: "L'Apss ci ha dato ragione, un po' allarmati dalla velocità di propagazione del contagio, riconducibile alle varianti. Era metà febbraio e non abbiamo più sentito nessuno. C'è una lentezza preoccupante nell'affrontare le questioni, non siamo tranquilli"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato