Contenuto sponsorizzato

Una colata di fango a sud di Mattarello. Invaso dai detriti anche il vecchio tratto della Statale 12

"Nessun danno alle persone - scrive la Protezione Civile - ma danni alle coltivazioni". La zona interessata, infatti è quella che produce le uve del rinomato Trento Doc.

foto A. Schuster
Pubblicato il - 25 giugno 2017 - 19:10

TRENTO. I danni si contano alla fine e le abbondanti piogge della mattinate non sembrano aver finito di provocarne. E' infatti delle 17.30 la comunicazione della Protezione civile del Trentino a proposito di una colata di fango che ha interessato Mattarello.

 

In località Grezzi una lingua di fango si è mossa verso valle arrivando a interessare anche il vecchio tratto della SS12 a sud di Mattarello. "Nessun danno alle persone - scrive la Protezione Civile - ma danni alle coltivazioni". La zona interessata, infatti, è quella che produce le uve del rinomato Trento Doc.

 



Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato