Contenuto sponsorizzato

Un'altra rissa in piazza Dante, due feriti. Il titolare del Liberty Cafè: "Impossibile andare avanti così. Già tre dipendenti se ne sono andati"

Nel tardo pomeriggio di ieri il parco è stato teatro dell'ennesima rissa. Sono volate sedie e bottiglie di vetro. Ruocco: "“Ormai non ho più ragioni da esporre né giudizi da esprimere"

Di G.Fin - 08 ottobre 2017 - 12:25

TRENTO. Volano pugni ma poi anche sedie e bottiglie. E' ancora volta piazza Dante teatro di una rissa che ha visto ieri sera attorno alle 19.30 una decina di persone coinvolte. Il tutto è avvenuto in prossimità del Liberty Cafè.

 

“Stavamo sistemando gli ultimi tavolini prima di chiudere – ci racconta il titolare Isidoro Ruocco – quando ad un certo punto è scoppiata una rissa tra alcune persone che erano sedute in una delle panchine vicine al bar. Dalla discussione sono passati ai pugni e non si sono fermati solo a questo”.

 

Alcuni avrebbero infatti preso e lanciato delle sedie del locale assieme a diverse bottiglie di vetro. Scene che hanno costretto gli ultimi clienti del Liberty Café ad andarsene. Immediatamente è stata avvisata la Polizia che è arrivata sul posto in pochi minuti trovandosi davanti due persone ferite che hanno chiesto l'intervento dei soccorsi sanitari. Il resto del gruppo, formato secondo alcuni testimoni da nord africani e rumeni, si è era già dileguato.

 

La rissa di ieri sera è la seconda che avviene in piazza Dante in pochi giorni. Venerdì pomeriggio, infatti, un ragazzo che stava camminando accanto al parco è stato aggredito ricevendo un pugno dritto al volto.

 

A non sopportare più una situazione del genere è Isidoro Ruocco che da due anni gestisce il Liberty Café. “Ormai – ci dice amareggiato - non ho più ragioni da esporre né giudizi da esprimere. Non è semplice andare avanti con una situazione del genere e l'ho già fatto presente in passato all'Amministrazione. Dobbiamo fare due conti per capire se è remunerativo continuare in questo modo per una attività”.

Da diverso tempo il titolare del Libertry Café ha chiesto aiuto all'Amministrazione per riuscire a lavorare con tranquillità. Quasi nulla si è fatto e la situazione sembra essere solo peggiorata. Fino ad oggi tre giovani che lavorano nel locale sono stati costretti a dare le dimissioni. “Lavorare in questo modo – spiega ancora Ruocco – non è bello. Alla sera le ragazze hanno paura e anche di giorno la situazione molte volte non è tranquilla. La presenza delle Forze dell'ordine funziona fino a quando ci sono ma poi appena se ne vanno succede di tutto”.

 

I problemi sono tanti e il progetto lanciato dall'amministrazione comunale di riqualificazione di piazza Dante (per il lato sud è stato speso oltre 1 milione di euro) alla prova dei fatti sembra non aver ancora portato i risultati sperati. “Dopo le risse che sono successe a giugno – conclude Ruocco – se non ci fossero stati i turisti noi avremmo già chiuso. Qui i trentini non vengono perché hanno paura. Ci siamo impegnati ad organizzare tantissime iniziative ma sono servite a poco”.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 11:55

Tovaglie e stoviglie stese a terra per una manifestazione ordinata e silenziosa: “Vogliamo ribadire con chiarezza che il settore dei pubblici esercizi e della ristorazione sta soffrendo in modo pesantissimo le limitazioni imposte dalla normativa anti-covid”

28 ottobre - 11:41

Una recrudescenza dell'epidemia importante e il presidente Arno Kompatscher si è trovato a firmare diverse ordinanze per cercare di fronteggiare la diffusione di Covid-19, il governatore ha fatto anche un appello: "Ci troviamo di fronte alle settimane decisive per interrompere la catena dei contagi. E' fondamentale fermare la diffusione del virus per tutelare scuola e lavoro”

27 ottobre - 19:32

Sono tante le lettere e i messaggi diretti al presidente Fugatti di cittadini che non hanno capito perché in Trentino si stia perseverando con la didattica totalmente in presenza (addirittura alzando il numero di contagiati necessari per mettere le classi in quarantena alle elementari e alle medie). Ne pubblichiamo due: ''Anche noi preferiamo certamente la didattica in presenza, così come andare fuori a cena,  o andare in palestra; ma allora a maggior ragione ci vogliono tracciamenti rapidi e completi che paiono totalmente saltati''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato