Contenuto sponsorizzato

Un'altra rissa in piazza Dante, due feriti. Il titolare del Liberty Cafè: "Impossibile andare avanti così. Già tre dipendenti se ne sono andati"

Nel tardo pomeriggio di ieri il parco è stato teatro dell'ennesima rissa. Sono volate sedie e bottiglie di vetro. Ruocco: "“Ormai non ho più ragioni da esporre né giudizi da esprimere"

Di G.Fin - 08 ottobre 2017 - 12:25

TRENTO. Volano pugni ma poi anche sedie e bottiglie. E' ancora volta piazza Dante teatro di una rissa che ha visto ieri sera attorno alle 19.30 una decina di persone coinvolte. Il tutto è avvenuto in prossimità del Liberty Cafè.

 

“Stavamo sistemando gli ultimi tavolini prima di chiudere – ci racconta il titolare Isidoro Ruocco – quando ad un certo punto è scoppiata una rissa tra alcune persone che erano sedute in una delle panchine vicine al bar. Dalla discussione sono passati ai pugni e non si sono fermati solo a questo”.

 

Alcuni avrebbero infatti preso e lanciato delle sedie del locale assieme a diverse bottiglie di vetro. Scene che hanno costretto gli ultimi clienti del Liberty Café ad andarsene. Immediatamente è stata avvisata la Polizia che è arrivata sul posto in pochi minuti trovandosi davanti due persone ferite che hanno chiesto l'intervento dei soccorsi sanitari. Il resto del gruppo, formato secondo alcuni testimoni da nord africani e rumeni, si è era già dileguato.

 

La rissa di ieri sera è la seconda che avviene in piazza Dante in pochi giorni. Venerdì pomeriggio, infatti, un ragazzo che stava camminando accanto al parco è stato aggredito ricevendo un pugno dritto al volto.

 

A non sopportare più una situazione del genere è Isidoro Ruocco che da due anni gestisce il Liberty Café. “Ormai – ci dice amareggiato - non ho più ragioni da esporre né giudizi da esprimere. Non è semplice andare avanti con una situazione del genere e l'ho già fatto presente in passato all'Amministrazione. Dobbiamo fare due conti per capire se è remunerativo continuare in questo modo per una attività”.


Da diverso tempo il titolare del Libertry Café ha chiesto aiuto all'Amministrazione per riuscire a lavorare con tranquillità. Quasi nulla si è fatto e la situazione sembra essere solo peggiorata. Fino ad oggi tre giovani che lavorano nel locale sono stati costretti a dare le dimissioni. “Lavorare in questo modo – spiega ancora Ruocco – non è bello. Alla sera le ragazze hanno paura e anche di giorno la situazione molte volte non è tranquilla. La presenza delle Forze dell'ordine funziona fino a quando ci sono ma poi appena se ne vanno succede di tutto”.

 

I problemi sono tanti e il progetto lanciato dall'amministrazione comunale di riqualificazione di piazza Dante (per il lato sud è stato speso oltre 1 milione di euro) alla prova dei fatti sembra non aver ancora portato i risultati sperati. “Dopo le risse che sono successe a giugno – conclude Ruocco – se non ci fossero stati i turisti noi avremmo già chiuso. Qui i trentini non vengono perché hanno paura. Ci siamo impegnati ad organizzare tantissime iniziative ma sono servite a poco”.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 18:27

Nell'ultimo periodo sono 52 i contagi registrati nel territorio di Giovo. Il sindaco Vittorio Stonfer ha spiegato di essersi confrontato sulla situazione con il direttore del Dipartimento prevenzione dell'Apss, Antonio Ferro. "Per noi il riferimento è l'Azienda sanitaria - spiega - ed è indubbio, sempre attraverso un confronto, che se fosse necessario adottare ulteriori provvedimenti come era stato fatto in passato a Cembra io sono favorevolissimo”

24 febbraio - 18:12

Parte il progetto per la creazione di un innovativo skate park omologato dalla Fisr che potrà essere utilizzato anche per eventi nazionali. Il sindaco: “Praticare attività sportiva davanti al lago di Garda è una delle esperienze da provare almeno una volta nella vita”

25 febbraio - 18:13

Sono stati analizzati 3.940 tamponi tra molecolari e antigenici. Un paziente in più in terapia intensiva. Oggi 161 guarigioni. Nelle ultime 24 ore 91 casi tra bambini e ragazzi: 46 le classi in isolamento

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato