Contenuto sponsorizzato

La polenta resta trentina, i Gobj resistono all'assalto dei Ciusi

Nell'appuntamento clou le Feste Vigiliane ricordano Dino Panato, il paiolo acceso dal figlio Daniele

Di Luca Andreazza e Giuseppe Fin - 26 giugno 2018 - 22:10

TRENTO. La polenta resta trentina. Vincono i Gobj che resistono i cinquanta secondi di assalto finale. Ranghi compatti e dopo due successi consecutivi i Ciusi non riescono a irrompere nel cerchio grigio e interrompono la serie.

 

Questo il risultato della disfida nella splendida cornice di piazza Fiera, i trentini riescono a proteggere il paiolo. E' diciannovesima affermazione dei Gobj, che guidano la classifica, mentre i Ciusi restano fermi a quindici

 

Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni in onore di San Vigilio, un finale ancora una volta spettacolare per le Feste Vigiliane, prima dei fuochi d'artificio a chiudere la kermesse numero trentacinque.

 

Le mosse prendono il via dopo l’accensione del paiolo, solitamente riservato a qualche autorità o personalità, l'anno scorso era toccato all'arcivescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi, questa edizione invece è il turno del fotografo Daniele Panato.

 

 

Un modo delle Vigiliane per ricordare Dino, i loro scatti a scandire le diverse edizioni sono, infatti, tra i punti di riferimento della kermesse. Un momento accompagnato da un lunghissimo applauso di piazza Fiera. Spazio poi a Cristina Petri e Elio Girardi, premiati per la longevità delle partecipazioni, rispettivamente alla 23 e 30 disfida.

Feste Vigiliane, la disfida dei Ciusi e dei Gobj

 

 

Quindi iniziano le prime sfide, i Gobj si aggiudicano la prova di 'tiro alla fune', ma anche quella della corsa con i sacchi, prima delle "scaramucce" per guadagnare ulteriori vantaggi. 

 

 

La Disfida entra nel vivo, cinquanta secondi con i Gobj a difendere il paiolo e i Ciusi a provare il blitz e conquistare la polenta.  

 

La contesa rappresenta la rievocazione storica di un episodio accaduto nel VI secolo, successivamente ripreso e rappresentato in modi e forme diverse fino alla metà del XIX secolo. Dimenticata per oltre un secolo la Mascherada è stata rilanciata dal Comune di Trento dal 1984 con la collaborazione della 'Confraternita dei Ciusi e dei Gobj', gruppo folkloristico costituitosi autonomamente nel marzo 1989 (Qui articolo).

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 ottobre - 22:14
L'allerta è scattata nella serata di oggi a Montevaccino. Svariate unità dei vigili del fuoco in azione per gestire l'emergenza
Politica
20 ottobre - 19:13
Gli autonomisti Michele Dallapiccola e Paola Demagri hanno presentato una mozione che si inserisce sulla riforma della Comunità di valle della [...]
Politica
20 ottobre - 18:30
Il consigliere del Movimento 5 Stelle ha fatto un'interrogazione per sapere quanto ha pesato sulle casse pubbliche la scelta del presidente del [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato