Contenuto sponsorizzato

La polenta resta trentina, i Gobj resistono all'assalto dei Ciusi

Nell'appuntamento clou le Feste Vigiliane ricordano Dino Panato, il paiolo acceso dal figlio Daniele

Di Luca Andreazza e Giuseppe Fin - 26 giugno 2018 - 22:10

TRENTO. La polenta resta trentina. Vincono i Gobj che resistono i cinquanta secondi di assalto finale. Ranghi compatti e dopo due successi consecutivi i Ciusi non riescono a irrompere nel cerchio grigio e interrompono la serie.

 

Questo il risultato della disfida nella splendida cornice di piazza Fiera, i trentini riescono a proteggere il paiolo. E' diciannovesima affermazione dei Gobj, che guidano la classifica, mentre i Ciusi restano fermi a quindici

 

Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni in onore di San Vigilio, un finale ancora una volta spettacolare per le Feste Vigiliane, prima dei fuochi d'artificio a chiudere la kermesse numero trentacinque.

 

Le mosse prendono il via dopo l’accensione del paiolo, solitamente riservato a qualche autorità o personalità, l'anno scorso era toccato all'arcivescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi, questa edizione invece è il turno del fotografo Daniele Panato.

 

 

Un modo delle Vigiliane per ricordare Dino, i loro scatti a scandire le diverse edizioni sono, infatti, tra i punti di riferimento della kermesse. Un momento accompagnato da un lunghissimo applauso di piazza Fiera. Spazio poi a Cristina Petri e Elio Girardi, premiati per la longevità delle partecipazioni, rispettivamente alla 23 e 30 disfida.

Feste Vigiliane, la disfida dei Ciusi e dei Gobj

 

 

Quindi iniziano le prime sfide, i Gobj si aggiudicano la prova di 'tiro alla fune', ma anche quella della corsa con i sacchi, prima delle "scaramucce" per guadagnare ulteriori vantaggi. 

 

 

La Disfida entra nel vivo, cinquanta secondi con i Gobj a difendere il paiolo e i Ciusi a provare il blitz e conquistare la polenta.  

 

La contesa rappresenta la rievocazione storica di un episodio accaduto nel VI secolo, successivamente ripreso e rappresentato in modi e forme diverse fino alla metà del XIX secolo. Dimenticata per oltre un secolo la Mascherada è stata rilanciata dal Comune di Trento dal 1984 con la collaborazione della 'Confraternita dei Ciusi e dei Gobj', gruppo folkloristico costituitosi autonomamente nel marzo 1989 (Qui articolo).

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato