Contenuto sponsorizzato

Addio al Premio letterario "Frontiere-Grenzen" dopo quasi 20 anni e oltre 1.900 racconti "transfrontalieri": "Non ci sono più le condizioni per proseguire"

Sono state 10 le edizioni del Premio letterario internazionale delle Alpi, promosso dal 2001 al 2019 con cadenza biennale. L'associazione Bottega dell’Arte: "Lasciamo un vuoto difficilmente colmabile nel tessuto culturale del Primiero. Evento diventato un punto di riferimento importante per tutta la scena letteraria alpina e per autori che altrimenti avrebbero faticato a emergere"

Di F.C. - 29 novembre 2022 - 18:43

PRIMIERO SAN MARTINO DI CASTROZZA. "A malincuore abbiamo preso questa decisione: non ci sono più le condizioni per proseguire. Siamo consapevoli di decretare la fine di una esperienza culturale a suo modo unica". Sono queste le parole della Bottega dell’Arte, associazione culturale di Primiero che annuncia la conclusione dell'avventura del Premio letterario "Frontiere-Grenzen".

 

Il Premio letterario internazionale delle Alpi è stato organizzato a partire dal 2001 fino al 2019, "dunque per dieci edizioni visto che la cadenza era biennale" realizzate grazie alla collaborazione delle biblioteche trentine di Primiero e Canal San Bovo e della Saav, (Unione Autrici Autori Sudtirolo).

 

"Riteniamo di lasciare un vuoto difficilmente colmabile nel tessuto culturale del Primiero - spiegano gli organizzatori -, la 'piccola terra di frontiera' dove il nostro Premio è nato. Originariamente rivolto alle province di Trento, Bolzano e Belluno, 'Frontiere- Grenzen' si è poi aperto a racconti non solo in lingua italiana e tedesca ma anche francese e slovena, le ultime edizioni hanno registrato partecipazioni da Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia, Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria; Slovenia, Austria, Germania (Baviera), Liechtenstein, Svizzera, Francia (Alvernia e Provenza), Principato di Monaco".

 

Alcuni numeri riportati dall'associazione: sono 1.903 i racconti partecipanti raccolti in queste edizioni. Dall’edizione del 2011 il Premio che fino a quel momento era aperto solo a racconti inediti, ha promosso una sezione riservata a racconti editi, registrando negli anni le vittorie di Giacomo Sartori, Marco Pontoni, Alberto Nessi, Tanja Raich, Marino Magliani e Catalin Dorian Florescu.

 

"Ci piace ricordare che una buona pattuglia di vincitori o segnalati della sezione inediti - prosegue l'associazione - erano già autori conosciuti o sono poi approdati alla pubblicazione. Ricordiamo Alessandro Genovese, Fernando Larcher, Gianfranco Mattera, Renzo Brollo, Davide Coltri, Elisabetta Curzel, Giovanni Orelli, Chiara San Giuseppe, Antonio Bortoluzzi, Maria Annita Bafa, Martina Dei Cas, Anna Tava, Stefan Wallish, Fabio Marcotto, Paolo Caroli".

 

Una manifestazione che nel corso del tempo è cresciuta moltissimo, "fino a diventare punto di riferimento importante, con una formula multilingue e transfrontaliera originale, per tutta la scena letteraria alpina e per autori, noti e meno noti, che altrimenti avrebbero faticato a emergere. Ci eravamo posti inizialmente l’obiettivo di offrire a chi vive nelle province di Trento, Bolzano e Belluno la possibilità di esprimere e descrivere le pulsioni profonde di queste terre. Negli anni siamo andati ben oltre, attraverso luoghi vicini geograficamente e con territori montani simili, che hanno visto però affermarsi nel tempo culture e lingue differenti, quali quelle ladine, venete, italiane e tedesche".

 

Un esempio di "convivenza etnica", in una realtà di persone che tra loro interagiscono, che abitano simili territori fisici e mentali, o che si spostano per rispondere a nuovi bisogni, "affrontando quelle difficoltà legate al cambiamento ed alle nuove situazioni geografiche, politiche e sociali". "E il fatto di aver ottenuto - sostiene la Bottega dell’Arte -, a un certo punto del nostro percorso, il patrocinio della Convenzione delle Alpi, è testimonianza di un radicamento sempre più profondo, in molti territori".

 

La pandemia ha però rappresentato un colpo durissimo, "unitamente alla perdita dell’indimenticabile Nando Acierno, da sempre saggio e appassionato presidente della nostra associazione". A dare ulteriore autorevolezza a "Frontiere-Grenzen" una giuria che, nelle varie edizioni, ha visto presenti Carlo Martinelli, Pietro De Marchi, Lisa Ginzburg, Helena Janeczeck, Stefano Zangrando, Joseph Zoderer, Peter Oberdoerfer, Antonia Arslan, Alessandro Tamburini, Carmine Abate, Bettina Galvagni.

 

"Chiudiamo con un grande 'grazie', comunque. La storia di Frontiere Grenzen è una storia fatta di incontri, letture, emozioni, di tante collaborazioni. Grazie dunque a tutti quelli che ci sono stati vicini, agli ospiti che ci hanno onorato della loro presenza, alla giuria, ai patrocinatori, agli sponsor, alle amministrazioni e alle autorità succedutesi negli anni. Grazie soprattutto a chi, credendo nel potere e nella forza della parola e del racconto, ci ha dato fiducia. Ai tanti scrittori, noti e meno noti, famosi e sconosciuti, che hanno fatto parte della nostra famiglia".

 

Un messaggio viene rivolto alle future generazioni: "Il nostro auspicio è che qualcuno voglia raccogliere il testimone di una avventura letteraria, fatta delle tante storie che abitano il mondo. Perché 'Frontiere- Grenzen' di confini non ne ha".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 gennaio - 22:07
A intervenire nelle ricerche i vigili del fuoco e i carabinieri. Presente anche l'ambulanza e il personale sanitario. Purtroppo un 70enne è [...]
Politica
26 gennaio - 20:50
Polemiche per l'allestimento della pista da sci di fondo tra piazza Duomo e via Belenzani per l'edizione numero 50 della Marcialonga. L'intervento [...]
Montagna
26 gennaio - 18:40
La cerimonia si è svolta ieri sera nella capitale: i soci della sezione Cai di Roma espulsi dopo l'emanazione delle Leggi razziali nel '38 sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato