Contenuto sponsorizzato

Altre Tendenze con Centro servizi culturali S. Chiara, in scena a Rovereto 50 minuti di ritardo della compagnia Malmadur

Malmadur, compagnia teatrale di radici trentine, friulane e veneziane, arriva a Rovereto con 50 minuti di ritardo, spettacolo interattivo coprodotto dalla Fondazione Teatro della Toscana

Foto di Filippo Manzini
Pubblicato il - 17 gennaio 2022 - 12:46

ROVERETO. Un doppio appuntamento all'Auditorium Fausto Melotti di Rovereto. La compagnia Malmadur mette in scena 50 minuti di ritardo, spettacolo interattivo coprodotto dalla Fondazione Teatro della Toscana. Le serate di giovedì 20 e venerdì 21 gennaio sono inserita nella rassegna Altre Tendenze organizzata dal Centro servizi culturali S. Chiara e dedicata al teatro di ricerca.

 

Lo spettacolo nasce da un’idea di Elena AjaniDavid AngeliAlessia Cacco e Jacopo Giacomoni (quest’ultimi anche registi e autori della drammaturgia), Davide Pachera e Marco Tonino. Lo spettacolo 50 minuti di ritardo rievoca un'esperienza realmente accaduta a un membro della compagnia su un aereo diretto da Mykonos a Venezia. La partenza fu ritardata di 50 minuti a causa della presenza a bordo di due profughi travestiti da turisti. Solo dopo che furono fatti scendere l’aereo poté decollare.

 

Il protagonista della scena è un grande schermo, una finestra-specchio che permette a performer e spettatori di affacciarsi e interagire con il mondo online e dei social. I performer sono insieme al pubblico, coinvolti nella stessa visione: 50 minuti è la durata dell'attesa che performer e spettatori rivivono all'interno del teatro; è il ritardo di un decollo, un tempo strappato alla quotidianità per riflettere su come pensiamo, comunichiamo e inganniamo l'attesa.

 

Fin dall'ingresso in foyer, gli spettatori verranno inseriti in un gruppo WhatsApp (ovviamente per chi lo vorrà), attivo per tutto lo spettacolo. Le persone inserite all'interno del gruppo avranno potere decisionale sullo svolgimento della performance. Il gruppo verrà cancellato alla fine dello spettacolo. Infine, al termine della performance è previsto un incontro di discussione e approfondimento tra il pubblico e la compagnia.

 

La compagnia Malmadur nasce nel 2013 con lo spettacolo Lear/Del conflitto generazionale, vincitore del Premio OFF 2013 del Teatro Stabile del Veneto. La compagnia ha sede nella città storica di Venezia. Il termine in friulano, trentino e veneziano antico significa “acerbo, immaturo”, a sottolineare l’approccio di continua ricerca, risultato della contaminazione tra i diversi campi di formazione dei sette membri della compagnia.

 

La compagnia crede in un teatro fondato su un lavoro lento, multidisciplinare e collettivo, che cerca il rapporto diretto col pubblico, l'ironia e al contempo la messa in crisi delle certezze dello spettatore. Per conoscere più da vicino il lavoro della compagnia Malmadur, è disponibile online (Qui info“Voci in sala”, la nuova sezione di podcast di approfondimento sugli spettacoli di Grande Prosa e Altre Tendenze, ideati, scritti e letti da Chiara Marsilli.

 

Prossimi appuntamenti. La rassegna Altre Tendenze torna a febbraio, il 4 e 5 (sempre al Melotti di Rovereto), con “Fuck Me(n)”, il nuovo lavoro della compagnia Evoé!Teatro, nato da tre distinti monologhi, adattati e diretti da Liv Ferracchiati: Il professore animale di Giampaolo Spinato, Tracce mnestiche di un padre di famiglia di Massimo Sgorbani e Sunshine di Roberto Traverso.

 

Biglietti acquistabili alla biglietteria del Teatro Auditorium (lun-sab, 10-13, 15-19), alle Casse rurali e online sulla Piattaforma Primi alla Prima (Qui info). Si ricorda che per accedere all’evento è obbligatorio essere muniti del Green pass rafforzato. Inoltre è previsto l’obbligo di indossare mascherine di tipo Ffp2.

 

La richiesta di certificazione verde non verrà applicata ai minori di 12 anni o agli esenti dalla campagna vaccinale. Per i bambini da 0 a 6 anni l’ingresso è consentito senza mascherina, dai 6 ai 12 anni è necessaria solamente la mascherina, mentre dai 12 anni in su è obbligatorio esibire Green pass rafforzato e indossare la mascherina chirurgica (o superiore). Non sono ammesse le mascherine di comunità. La certificazione verrà controllata dal personale addetto al momento dell’ingresso. In caso di indisponibilità del Green pass rafforzato non sarà possibile accedere agli spazi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 maggio - 20:31
All'alba era partito con ramponi e piccozza, oltre agli sci agganciati allo zaino, per raggiungere la vetta con l'amico Andrea Bonn. Era molto [...]
Cronaca
22 maggio - 19:16
Il compagno alla guida della moto è uscito praticamente illeso dall'incidente, mentre nonostante il tempestivo intervento dei soccorritori la [...]
Cronaca
22 maggio - 16:45
In alcuni casi oltre alla pioggia è arrivata anche la grandine che nella zona di Folgaria e Lavarone ha raggiunto le dimensioni di una pallina da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato