Contenuto sponsorizzato

Una musica nuova per incuriosire il pubblico. Ecco "Stumpfgleis", un progetto degli studenti del Bonporti con i Conservatori di Roma, Brescia e Verona

L'obiettivo di "Stumpfgleis" è presentare musica nuova, praticamente inedita e presentata in un contesto più informale per avvicinare il pubblico alle sale filarmoniche e concertistiche in modo innovativo. La proposta è degli studenti del Conservatorio Bonporti di Trento con i colleghi di Roma, Brescia e Verona

Pubblicato il - 04 dicembre 2023 - 13:34

TRENTO. Un'iniziativa rivolta ai giovani musicisti e che valorizza la collaborazione tra studenti. E' questo il fulcro di "Stumpfgleis", un collettivo di musica contemporanea che propone una serata straordinaria in grado di coinvolgere un pubblico il più ampio possibile. 

 

L'appuntamento, organizzato dagli studenti del Conservatorio Bonporti, è previsto alle 20.30 di giovedì 7 dicembre al Centro musica di Trento. Un'iniziativa che prende le mosse dalla necessità di approfondire la ricerca tanto musicale quanto espressiva che scaturisce dal progetto di "Stumpfgleis", un collettivo di giovani compositori e strumentisti di musica contemporanea che hanno l'obiettivo di portare un nuovo linguaggio che possa adeguarsi al gusto dell’ascoltatore odierno, dal più disinteressato al più caparbio.

 

Il progetto "Stumpfgleis" (termine tedesco che significa "binario morto", una battuta di spirito sulla carriera del compositore) ha origine tra le fila degli studenti di composizione del conservatorio Bonporti di Trento, benché l’idea abbia presto colto l’interesse e l’entusiasmo di colleghi e strumentisti anche di altre istituzioni, come il Conservatorio di Roma, di Brescia e di Verona. La presenza di spirito e l’energia dei suoi membri dona al collettivo una voce stilistica eterogenea e sfaccettata: da forme più classiche e tradizionali alla musica elettronica, dal jazz al serialismo, dal tardo romanticismo al minimalismo. 

 

Il primo concerto del progetto "Stumpfgleis" sarà tenuto alle 20.30 di giovedì 7 dicembre, a ingresso libero, al Centro Musica di Trento (via della Malpensada 136). La serata figurerà un nutrito programma di lavori originali e inediti, con la possibilità di consumazione a poco prezzo grazie allo stand presente in sala.

 

Il fine di "Stumpfgleis" è chiaro: presentare musica nuova, pressoché interamente inedita, presentata in un contesto più informale. Tale atteggiamento non vuole (e non deve) essere inteso come una recisione polemica con il passato, bensì esprime la volontà di esplorare un contesto musicale di rado considerato, cercando al contempo di fare in modo che il pubblico possa fruirne con maggiore serenità. E’ una ferma convinzione dei membri di "Stumpfgleis" che non sia colpa del pubblico se la musica contemporanea ancora fatichi a conquistare un proprio spazio nelle stagioni di sale filarmoniche e concertistiche: invece è una responsabilità di compositori, strumentisti e critici quella di premurarsi che l’ascoltatore, soprattutto se già interessato o incuriosito, percepisca di star prendendo parte a un ambiente accogliente e ben disposto nei suoi confronti.

 

All'obiettivo principale, strettamente musicale, si affianca quello formativo: "Stumpfgleis" rappresenta un’occasione rara per i membri del collettivo, in quanto consente un rapporto più stretto tra strumentisti e compositori; rapporto, logisticamente parlando, da sempre complesso. Non sarebbe un’esagerazione definire storicamente il dialogo tra le due figure come perlopiù impossibile, ma all’interno di questa cornice il confronto diretto è all’ordine del giorno. Il compositore può giovare delle indicazioni, proposte e suggerimenti dello strumentista; lo strumentista ha l’occasione di discutere con il compositore della propria interpretazione, in modo che ambo le parti possa crescere su aspetti che non sempre è possibile tener conto all’interno del proprio percorso di studi.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
03 marzo - 05:01
Dall'annuncio della premier Giorgia Meloni all'effettivo arrivo di Chico Forti in Italia potrebbero passare un paio di mesi. Ora la pratica è [...]
Politica
02 marzo - 20:48
Il politico e imprenditore italiano, deputato per Fratelli d'Italia, Andrea Di Giuseppe è residente a Miami e ha seguito la vicenda di Chico [...]
altra montagna
02 marzo - 18:00
Un team di ricercatori di Ginevra evidenzia, per la prima volta, la correlazione tra l'aumento delle frane e l'aumento delle temperature in un sito [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato