Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, "Senza aiuti alle famiglie gravi conseguenze''. Cgil, Cisl e Uil bocciano le misure che Fugatti e Spinelli vogliono mettere in campo per la ripresa

Per i sindacati se i lavoratori, le famiglie che sono i clienti di quelle aziende - ristoranti, bar, negozi di vicinato, alberghi - hanno pochi soldi in tasca non faranno acquisti e quindi il rischio che a pagare siano ancora una volta le imprese e con loro i lavoratori che verrebbero subito licenziati, innescando una spirale depressiva

Pubblicato il - 02 maggio 2020 - 19:13

TRENTO. Un disegno di legge “parziale” e che “non porta aiuti alle famiglie”. E' un giudizio molto negativo quello presentato quest'oggi dalle tre sigle sindacali, Cgil, Cisl e Uil sul ddl Fugatti – Spinelli. Se da un lato è importante garantire liquidità alle imprese, dall'altro è di fondamentale importanza anche sostenere i redditi dei lavoratori e delle famiglie perché abbiano soldi per fare acquisti.

 

“E’ fondamentale - hanno spiegato i segretari generali delle tre confederazioni, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti - garantire liquidità alle imprese in questa difficile congiuntura lo abbiamo sempre detto e bene ha fatto la Giunta a prevedere nuove misure. Ma se i lavoratori, le famiglie che sono i clienti di quelle aziende - ristoranti, bar, negozi di vicinato, alberghi - hanno pochi soldi in tasca non faranno acquisti e quindi il rischio che a pagare siano ancora una volta le imprese e con loro i lavoratori che verrebbero subito licenziati, innescando una spirale depressiva”.

 

Per questo, continuano i sindacati, serve che la Giunta riveda la manovra. “Occorre che garantisca – viene spiegato - integrazioni ai sostegni al reddito nazionali per le famiglie trentine colpite dalla crisi, a partire dalle figure dei precari, degli intermittenti e degli stagionali per garantire loro di avere in tasca più soldi da spendere”.

Proprio su questo punto le organizzazioni sindacali hanno quindi sostenuto l’importanza di adottare misure simili a quelle previste dall’art. 5 del ddl 52/XVI a firma del consigliere Olivi e altri che prevedono uno stanziamento pari a 20 milioni di euro per sostenere il reddito di lavoratrici e lavoratori in difficoltà.

Critiche alla Giunta anche per aver violato unilateralmente l’accordo per il rinnovo del contratti dei lavoratori delle Autonomie Locali, della Scuola e della Sanità. “Il presidente Fugatti non ha avuto neppure il coraggio di avvisarci, come avrebbe dovuto fare nel rispetto di quell’accordo. Quando ci ha presentato la manovra non ci ha neppure accennato alla cosa. Oltre al merito, anche il metodo è stato tutto sbagliato. Non capiamo davvero il motivo del suo silenzio: in diretta streaming non ha alcun timore a spiegare la sua posizione, ma con i rappresentanti dei lavoratori non ha neppure tentato di annunciarci le sue intenzioni” hanno concluso i sindacati.

 

 

Qui il documento presentato dai sindacati

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 19:49

Purtroppo si registra anche un nuovo positivo a Cembra Lisignago dove si era sviluppato il più grosso focolaio legato alla popolazione residente che ha un rapporto dell'0,85% di positivi per residenti. Dato più alto nel comune vicino, ad Altavalle (1% di popolazione positiva). Altri tre comuni sopra lo 0,75%

21 ottobre - 20:14

La notizia è stata battuta da Reuters e ripresa in tutto il mondo. Il fatto sarebbe avvenuto in Brasile e la conferma arriva dall'Università di San Paolo

21 ottobre - 17:39

Tra i nuovi positivi, 71 presentano sintomi, 13 casi riguardano minorenni, dei quali 2 contagiati sono nella fascia di età 0-5 anni e altri 11 ragazzi si collocano nella fascia 6-15 anni, mentre 13 infezioni riguardano over 70 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato