Contenuto sponsorizzato

Pubblico impiego, i sindacati: ''Proposta irricevibile: evidentemente a nulla è servito il pronunciamento del giudice sugli atti precedenti''

Nei giorni scorsi il giudice del lavoro ha annullato delibera e circolare attraverso le quali si modificavano gli orari di lavoro di circa 4.300 lavoratori tra provinciali ed enti strumentali, ma la nuova proposta non soddisfa i sindacati

Pubblicato il - 07 agosto 2020 - 21:24

TRENTO. "La Provincia non ritorna sui suoi passi per quanto riguarda gli orari del personale: ancora una volta la bozza di circolare inviata alle organizzazioni sindacali non accoglie le osservazioni proposte in queste settimane", queste le parole di Luigi Diaspro (Fp Cgil), Giuseppe Pallanch (Cisl Fp), Marcella Tomasi (Uil Fpl) e Maurizio Valentinotti (Fenalt). 

 

"Ignote anche le motivazioni che hanno portato a perpetrare questa strada - aggiungono Cgil e Cisl, Uil e Fenalt - visto che, nella proposta di deliberazione si legge semplicemente 'le politiche di governance della Giunta provinciale della XVI legislatura rispondono all’esigenza di operare un cambio di passo, di metodo e di contenuti, avendo a riferimento l’idea di una Pubblica Amministrazione al servizio e a disposizione del cittadino. Obiettivi questi da perseguire in condizioni di normalità, ma oggi con ancora più convinzione nell’attuale situazione emergenziale'; parole assolutamente condivisibili ma che nulla hanno a che fare con un orario di reperibilità telefonica del personale provinciale dalle 8 alle 18 di tutti i giorni della settimana e del sabato mattina dalle 8 alle 12. Per questo basterebbe potenziare l’Urp".

 

Nei giorni scorsi il giudice del lavoro ha annullato delibera e circolare attraverso le quali si modificavano gli orari di lavoro di circa 4.300 lavoratori tra provinciali ed enti strumentali (Qui articolo e Qui articolo), ma la nuova proposta non soddisfa i sindacati.

 

"La Provincia - evidenziano Diaspro, Pallanch, Tomasi e Valentinotti - ha già deciso tempi e modi dell’applicazione del nuovo orario ancor prima di confrontarsi con le parti sociali: evidentemente a nulla è servito il pronunciamento sugli atti precedenti. Incoerente e umiliante anche nei confronti del Consiglio provinciale che martedì ha votato una mozione che impegna la Giunta a presentare una proposta di orario di servizio che analizzi organizzazione, utenza e dipendenti per fine di assicurare l’ottemperanza della certificazione Family audit. Ma l'ultima proposta non tiene contro di nulla".

 

I sindacati chiedono di essere incontrati per trovare una soluzione condivisa. "E’ chiaro che la partita riavviata rappresenti in realtà per Fugatti un adempimento puramente formale, con l’obiettivo di un nuovo regime di orari di lavoro da imporre e non certo concordare con il sindacato. Ribadiamo in ogni caso massima disponibilità al confronto ma vogliamo informazioni chiare e coerenti sulle quali impostare l’organizzazione provinciale: lavorare per costruire insieme un'amministrazione moderna e efficiente, che non vuol dire essere un call center, oltre a valorizzare e regolamentare l’esperienza del lavoro agile. Il presidente ci convochi e ci spieghi le sue ragioni e come intende confermare il primo posto della Pubblica Amministrazione trentina conquistato in anni di efficiente lavoro, ma anche quali le strategie sulla sfida alla digitalizzazione, valorizzazione del personale attraverso l’assunzione di giovani leve e, soprattutto, il rinnovo contrattuale", concludono Diaspro, Pallanch, Tomasi e Valentinotti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato