Contenuto sponsorizzato

Inps, da oggi visite fiscali a campione. Ma non sui dipendenti provinciali trentini: "Questo è un privilegio"

Sul personale la Provincia di Trento ha una competenza specifica. Per il pubblico impiego provinciale accertamenti solo su richiesta del datore di lavoro.La Federazione lavoratori pubblici: "Ennesimo tentativo di giustificare con condotte ridicole l’Autonomia della Provincia"

Pubblicato il - 01 settembre 2017 - 09:34

TRENTO. Da oggi, primo di settembre, la competenza sulle visite fiscali sarà gestita dall'Inps. Un cervellone elettronico sorteggerà a campione i dipendenti, pubblici o privati che siano, e invierà direttamente a casa il medico per la verifica dell'effettivo stato di salute.

 

Nasce un 'Polo unico per le visite fiscali' che avrà l'obiettivo di stanare i 'furbetti' del certificato di malattia. Oltre al datore di lavoro, che potrà sempre e comunque chiedere accertamenti sui propri dipendenti, un algoritmo analizzerà autonomamente i dati e fornirà i nominativi dei dipendenti da verificare.

 

Tutto questo succederà a livello nazionale ma non in Trentino, non per i dipendenti pubblici della Provincia di Trento. Una norma approvata recentemente all'interno della Legge di stabilità mantiene in essere i controlli in capo all'Azienda sanitaria: il Trentino ha una competenza esclusiva sul suo personale e non  intende 'cedere' all'Inps i controlli sui certificati.

 

Ma l'Azienda sanitaria non ha accesso ai certificati Inps, non può dunque promuovere verifiche a campione ma può soltanto agire su richiesta del datore di lavoro. "L’ennesimo tentativo di giustificare, con condotte ridicole l’Autonomia della Provincia", afferma in una nota la segreteria regionale della Federazione dei lavoratori pubblici (FLP).

 

"Noi riteniamo che ai dipendenti pubblici e privati del nostro Paese, da Bolzano alla Sicilia, vadano applicate le stesse regole civili e di convivenza. Una tale diseguaglianza - continua la nota - verrebbe vista dai dipendenti delle altre Regioni d’Italia come l’ennesimo atto di privilegio e di favore a vantaggio dei lavoratori provinciali trentini".

 

"A nostro parere - conclude la FLP - questo è un errore strategico che porterebbe ad ulteriori critiche e censure sulla politica 'accomodante' della PAT nei confronti dei propri dipendenti". 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 19:30

Il presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti ha fatto il punto sulla situazione dei vaccini in Trentino. "Il programmo lo facciamo sulla base delle dosi consegnate. Con queste e quelle che si prevedono, nei primi 10 giorni di aprile dovremmo aver finito con gli over80"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato