Contenuto sponsorizzato

Inps, da oggi visite fiscali a campione. Ma non sui dipendenti provinciali trentini: "Questo è un privilegio"

Sul personale la Provincia di Trento ha una competenza specifica. Per il pubblico impiego provinciale accertamenti solo su richiesta del datore di lavoro.La Federazione lavoratori pubblici: "Ennesimo tentativo di giustificare con condotte ridicole l’Autonomia della Provincia"

Pubblicato il - 01 settembre 2017 - 09:34

TRENTO. Da oggi, primo di settembre, la competenza sulle visite fiscali sarà gestita dall'Inps. Un cervellone elettronico sorteggerà a campione i dipendenti, pubblici o privati che siano, e invierà direttamente a casa il medico per la verifica dell'effettivo stato di salute.

 

Nasce un 'Polo unico per le visite fiscali' che avrà l'obiettivo di stanare i 'furbetti' del certificato di malattia. Oltre al datore di lavoro, che potrà sempre e comunque chiedere accertamenti sui propri dipendenti, un algoritmo analizzerà autonomamente i dati e fornirà i nominativi dei dipendenti da verificare.

 

Tutto questo succederà a livello nazionale ma non in Trentino, non per i dipendenti pubblici della Provincia di Trento. Una norma approvata recentemente all'interno della Legge di stabilità mantiene in essere i controlli in capo all'Azienda sanitaria: il Trentino ha una competenza esclusiva sul suo personale e non  intende 'cedere' all'Inps i controlli sui certificati.

 

Ma l'Azienda sanitaria non ha accesso ai certificati Inps, non può dunque promuovere verifiche a campione ma può soltanto agire su richiesta del datore di lavoro. "L’ennesimo tentativo di giustificare, con condotte ridicole l’Autonomia della Provincia", afferma in una nota la segreteria regionale della Federazione dei lavoratori pubblici (FLP).

 

"Noi riteniamo che ai dipendenti pubblici e privati del nostro Paese, da Bolzano alla Sicilia, vadano applicate le stesse regole civili e di convivenza. Una tale diseguaglianza - continua la nota - verrebbe vista dai dipendenti delle altre Regioni d’Italia come l’ennesimo atto di privilegio e di favore a vantaggio dei lavoratori provinciali trentini".

 

"A nostro parere - conclude la FLP - questo è un errore strategico che porterebbe ad ulteriori critiche e censure sulla politica 'accomodante' della PAT nei confronti dei propri dipendenti". 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato