Contenuto sponsorizzato

Itas Mutua si riconferma azienda “Top Employer” 2022: “Questo ci pone tra le eccellenze internazionali nella gestione delle risorse umane e dell'ambiente di lavoro”

Itas Mutua ha ottenuto la certificazione “Top Employer” 2022 per il secondo anno consecutivo. Un riconoscimento prestigioso che confermano la Compagnia a essere un punto di riferimento sul territorio trentino, nazionale e internazionale

Pubblicato il - 20 gennaio 2022 - 20:55

TRENTO. “Siamo fieri di aver raggiunto un risultato che ci pone tra le eccellenze internazionali in ambito Human Resources e che ci dimostra ancora una volta come il nostro essere Mutua rappresenti un modello vincente non solo per il territorio, ma anche per tutte le persone che ogni giorno contribuiscono con la loro professionalità e il loro impegno allo sviluppo della nostra azienda”. Con queste parole Alessandro Molinari, amministratore delegato e direttore generale Itas, commenta la certificazione della Compagnia trentina per il secondo anno consecutivo, azienda “Top Employer” in Italia. Questo doppio riconoscimento è un segnale importante che conferma la qualità dell’ambiente di lavoro e le politiche messe in atto dalla Mutua a favore del benessere e della crescita dei suoi dipendenti.

Il programma di certificazione è realizzato dal Top Employers Institute, ente certificatore globale delle eccellenze Hr, il quale attraverso un’accurata analisi, permette di valutare le aziende coinvolte riconoscendo le eccellenze nella gestione delle risorse umane e del loro sviluppo.

 

La certificazione ottenuta nell’anno 2022 garantisce la solidità dell’Hr aziendale, ma anche la voglia di innovarsi costantemente. Questo percorso è stato intrapreso proprio nell’anno del duecentesimo anniversario di Itas Mutua, visto non solo come un traguardo, ma anche come spunto per una rinnovata attenzione alla qualità e allo sviluppo umano e professionale dei più giovani.

 

“Essere riconosciuti per il secondo anno consecutivo azienda Top Employer è una grande soddisfazione per tutti noi – commenta Stefano Veronesi, direttore risorse umane Itas – La certificazione rappresenta la miglior prova che la strada intrapresa nella gestione delle risorse umane della nostra Compagnia costituisce non solo un’eccellenza a livello internazionale, ma ci permette di porci come azienda fortemente attrattiva per i giovani più meritevoli, che con noi hanno concrete possibilità di crescita e possono contribuire attivamente allo sviluppo futuro attraverso le proprie idee e i propri talenti. Un plauso particolare va alla capacità dei colleghi nel gestire il cambiamento imposto dalla pandemia e alla risposta che hanno saputo dare, uniti all’azienda, alla vera e propria rivoluzione culturale che ha interessato il mondo del lavoro in questi ultimi tempi”.

 

Un riconoscimento di tale prestigio muove Itas a mettere in atto delle azioni sempre più vicine alle best practice riconosciute a livello internazionale e conferma come le idee e i progetti sviluppati nell’ambito della gestione delle risorse umane, abbiano portato la Compagnia a essere un punto di riferimento sul territorio trentino, nazionale e internazionale.

 

Top Employers Institute è nato nel 1991 e ha certificato negli anni aziende di 123 Paesi del mondo che hanno soddisfatto elevati standard nell’impegno e nella cura delle proprie persone. Il percorso di certificazione è molto complesso e si articola in diverse fasi. Una survey preliminare molto approfondita affronta i temi chiave in ambito risorse umane: dalle politiche gestionali allo sviluppo del personale, dall’organizzazione alle attività di attrazione dei talenti, dal welfare alla formazione, dalla gestione del cambiamento alla leadership. Al termine della fase di analisi, l’ente certificatore attribuisce un punteggio a ogni singola attività dichiarata e il raggiungimento della soglia definita consente la certificazione.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 maggio - 20:51
Il 54enne Enrico Giovannini è precipitato mentre tentava di raggiunge la cima Presanella, Barbara De Donatis, di soli 29 anni, è morta per un [...]
Cronaca
22 maggio - 20:31
All'alba era partito con ramponi e piccozza, oltre agli sci agganciati allo zaino, per raggiungere la vetta con l'amico Andrea Bonn. Era molto [...]
Cronaca
22 maggio - 16:45
In alcuni casi oltre alla pioggia è arrivata anche la grandine che nella zona di Folgaria e Lavarone ha raggiunto le dimensioni di una pallina da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato