Contenuto sponsorizzato

L'agonia dei ghiacciai trentini, l'esperto: ''Tra vent'anni in Trentino saranno quasi estinti"

I ghiacciai presenti sul nostro territorio sono poco più di 130. Negli ultimi anni al di sopra dei 2500 metri abbiamo assistito ad un aumento della temperatura di circa 2 gradi. Casarotto: ''Occorre annullare gli effetti dei gas serra se vogliamo mitigare questa drammatica situazione''

Di G.Fin - 06 gennaio 2019 - 12:44

TRENTO. Tra una ventina d'anni sulle Dolomiti non avremo più alcun ghiacciaio e la parte trentina dell'Adamello scomparirà in addirittura meno tempo. L'aumento delle temperature e lo zampino dell'uomo cambieranno il volto delle nostre montagne. Gli effetti si stanno già vedendo ma l'attenzione verso una situazione destinata a complicarsi è ancora molto bassa.

 

A studiare da diversi anni quello che sta accadendo è il Muse con uno dei suoi ricercatori, il glaciologo Christian Casarotto.

 

I ghiaccia presenti sul nostro territorio sono poco più di 130. Stiamo però parlando di un numero che negli anni cambia. Questo avviene non perché nascono nuovi ghiacciai, cosa che non avviene da mezzo secolo, ma perché il ritiro di quelli presenti porto ad una loro frammentazione a più unità.

 

 

Come'è la situazione dei ghiacciai in Trentino?

Per capirla possiamo iniziare con i numeri che ne descrivono la superficie che ad oggi è di circa 32 chilometri quadrati. In Trentino nel 1850 i chilometri quadrati coperti da ghiacciai erano 110. Nel corso degli anni abbiamo quindi avuto una riduzione del 70 – 75%.

 

Quali sono gli effetti di questo scioglimento?

La riduzione dei ghiacciai è accompagnata da una loro frammentazione, ci sono delle “isole” rocciose che emergono e a sua volta la roccia che è sorgente di calore contribuisce ad aumentarne ulteriormente la fusione. Oltre a questo abbiamo anche la comparsa di piccoli nuovi laghi. Sono molti in Trentino quelli nati in questo modo e di piccole dimensioni. Circa 50 anni fa, per fare un esempio, è nato il lago Nuovo. Il ritiro dei ghiacciai lascia delle conche nelle quali poi nascono questi laghi.

Un altro effetto molto particolare che si sta verificando in Trentino è la formazione dei ghiacciai neri. E' un fenomeno che avviene quando i ghiacciai si “appoggiano” alle pareti rocciose dalle quali cadono detriti che vanno a coprire il ghiaccio.

Esistono pericoli per l'uomo da questo scioglimento?

In montagna bisogna sempre stare molto attenti, i pericoli sono spesso difficili da prevedere. Sicuramente i passaggi usati oggi dalle persone, in futuro non esisteranno più. Con lo scioglimento ci troviamo davanti anche ad un altro aspetto negativo: la fusione basale. Si tratta di una fusione che riguarda la parte sotto del ghiacciaio. Ad oggi molti dei nostri ghiacciai sono una sorta di groviera, sono pieni di buchi e in alcune zone si stanno sfondando.Si creano in questo modo una sorta di doline carsiche che possono essere pericolose.

 

Negli ultimi anni abbiamo sentito spesso parlare di aumento delle temperature. Ti quanti gradi si parla?

L'aumento non è uniforme se guardiamo il fondovalle e l'alta montagna. I dati che abbiamo raccolto mostrano come questo aumento sia più marcato dai 2500 metri d'altezza con un aumento delle temperature che si aggirano sui 2 gradi. Nel fondovalle invece parliamo di un aumento di 1 grado circa.

 

E' vero che tra vent'anni non esisteranno quasi più ghiacciai?

Per quanto riguarda i ghiacciai presenti sulle Dolomiti, è molto probabilmente che nell'arco di 20 anni siano completamente scomparsi. Le prossime generazioni li vedranno sicuramente scomparire.

 

Si può fare qualcosa per evitare tutto questo o almeno per ritardare questo processo?

L'unico modo messo in evidenza nei report delle organizzazione internazionali è quello di annullare i gas effetto serra. Questo significa riuscire a trovare un modo per assorbire completamente le emissioni che facciamo, soprattutto CO2. La riforestazione è un modo importante per mitigare il fenomeno.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 11:55

Dopo le affermazioni di papa Francesco sulle famiglie omosessuali, il mondo cattolico si interroga, tra gli attacchi dei più conservatori e le tante attestazioni di approvazione. Don Marcello Farina: "Parole bellissime. Come cristiani non abbiamo il diritto di imporre agli altri il nostro modo di vivere. La cosa che conta di più è il rispetto per le persone"

24 ottobre - 11:31

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 6.095 casi da inizio epidemia. Ci sono 102 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 31 quelli nelle strutture, mentre sono 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 32 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

24 ottobre - 12:29
L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno di oggi, sabato 24 ottobre, lungo la strada statale 45bis della Gardesana. In azione la macchina dei soccorsi
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato