Contenuto sponsorizzato

Kurz vince le elezioni in Austria. Crollo dell'estrema destra. Ora si apre il nodo alleanze

Il conteggio dei voti è ancora in corso ma le prime proiezioni danno Övp, il partito dell'ex-cancelliere, al 37%, come previsto dai sondaggi. Battuta d'arresto per l'ultradestra che paga lo scandalo "Ibizagate". Bene Verdi e SPÖ. Si apre ora un periodo delicato: Kurz dovrà decidere da che parte guardare. Lo scenario più probabile: svolta verso posizioni più moderate in cerca di un accordo con Socialdemocratici o Verdi

Di Arianna Viesi - 29 September 2019 - 21:22

VIENNA (Austria). L'ex cancelliere Sebastian Kurz vince a mani basse le elezioni politiche in Austria. Il conteggio dei voti è ancora in corso ma le prime proiezioni danno il Partito popolare, ÖVP (Österreichische Volkspartei), al 37%. Un risultato ampiamente previsto: i sondaggi dei giorni scorsi davano il partito di Kurz al 35%. L' ÖVP, dunque, si conferma primo partito austriaco.

 

Esito inaspettato, invece, per il Partito della Libertà austriacaFPÖ (Freiheitliche Partei Österreichs), nazionalista e populista, che si attesta al 16%, perdendo quasi 10 punti percentuali rispetto alla tornata elettorale del 2017. Della crisi del partito di estrema destra beneficia, a quanto pare, quasi esclusivamente ÖVP.  Bene i Verdi che guadagnano 9 punti tornando in Parlamento con il 14%. Si riconferma anche SPÖ, il Partito socialista, che perde solo il 4% rispetto alle precedenti elezioni.

 

Si apre ora il dilemma delle alleanze. Bisognerà capire se Kurz intenda rinnovare l'alleanza con la destra radicale o spostare il suo partito su vecchie posizioni centriste puntando ad un accordo con i partiti di centro sinistra.

 

Le elezioni, svoltesi oggi per il rinnovo del Nationalrat, sono state convocate prima della scadenza naturale del governo prevista per il 2022. In Austria si vota con sistema proporzionale sulla base di 9 circoscrizioni plurinominali (corrispondenti agli stati federali) e 39 sub-circoscrizioni.

 

Kurz, classe 1986, dal maggio 2017 è il leader incontrastato del Partito popolare austriaco (ÖVP). Dopo la sua ascesa nella formazione politica, ha spostato gli equilibri del partito su posizioni più conservatrici e di destra.

 

Dopo il notevole successo della sua formazione e lunghe trattative politiche, nel dicembre 2017, ÖVP diventa il primo partito del Paese e Kurz riceve dal presidente federale Van der Bellen l'incarico di formare un nuovo governo. Si apre così una fase di consultazioni. I negoziati portati avanti con il leader di FPÖ, Heinz-Christian Strache, si concludono con la formazione di un governo di coalizione tra le due forze politiche. L'accordo segna anche il ritorno al potere dell'ultradestra dopo 17 anni.

 

Una delle prime proposte avanzate dalla legislatura riguarda la concessione della doppia cittadinanza italiana/austriaca ai cittadini sudtirolesi di madrelingua tedesca. Kurz, inoltre, si è sempre dichiarato contrario al sistema di redistribuzione dei migranti all'interno dei paesi membri dell'Unione Europea.  

 

Nel maggio scorso, però, con 103 voti a favore su 183 l'esecutivo Kurz viene sfiduciato dal Parlamento dopo lo scandalo "Ibizagate". È la prima volta, nella storia austriaca del secondo dopoguerra, che un cancelliere viene sfiduciato. Tutto inizia quando il vicepremier e ministro dello sport (nonché leader di FPÖ), Strache, rassegna le dimissioni da entrambi gli incarichi governativi e da presidente del suo partito. Süddeutsche ZeitungDer Spiegel, poche settimane prima, avevano infatti diffuso un video, risalente al 2017 e girato ad Ibiza, nel quale il vicepremier austriaco sembrava promettere, in cambio di denaro, appalti ad una sedicente nipote di un oligarca russo. 

 

Il 27 maggio 2019, quindi, Kurz viene sfiduciato, rassegna le dimissioni e chiede elezioni anticipate. Chiede elezioni anticipate forte anche del risultato ottenuto dal suo partito alle elezioni europee, svoltesi il giorno precedente. Nella tornata elettorale ÖVP ottiene infatti il 34,9% dei voti, guadagnando l'8% rispetto alle elezioni del 2014 e confermandosi primo partito del paese.

 

Il partito guidato da Kurz è lo storico partito popolare austriaco. Ha governato a lungo il Paese in coalizione con i socialisti di SPÖ, il Partito socialdemocratico d'Austria. Sebastian Kurz, però, ha spostato l'asse del partito molto a destra, facendo leva su una retorica nazionalista e anti-immigrati. Oggi, quindi, il Partito popolare è lontano dal centro e, dal canto suo, la prima leader donna dei socialisti, Palema Rendi-Wagner, non risparmia duri attacchi a Kurz. I rapporti tra i due partiti, insomma, non sono più quelli di una volta. I socialisti, però, sembrerebbero disposti ad un'alleanza pur di scongiurare il ritorno al governo dell'estrema destra.

 

Gli altri due principali partiti del panorama politico austriaco sono i Verdi e i liberali di Neos. Sono ad una certa distanza dai principali contendenti ma potrebbero avere un ruolo importante nella formazione di governo. Insieme, infatti, avrebbero abbastanza seggi da permettere a Kurz di formare un governo senza SPÖ e FPÖ.

 

Kurz, insomma, potrebbe spostarsi più a sinistra e abbandonare le posizioni estremiste. Durante la campagna elettorale, tra l'altro, non si è parlato solo di immigrazione e difesa della cultura austriaca (temi che avevano tenuto banco nelle precedenti campagne), ma anche di ambiente e cambiamento climatico. Questioni che, forse, hanno contribuito all'exploit dei Verdi.

 

Ora, anche se forse ci vorranno mesi di trattative per giungere alla formazione del nuovo esecutivo, secondo gli esperti, lo scenario più probabile appare quello  di un'alleanza con i Socialdemocratici o con i Verdi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 giugno - 16:42
La senatrice ha interessato  i ministeri della Salute, del Lavoro e delle politiche sociali e della Giustizia. La giovane ginecologa di 31 [...]
Cronaca
24 giugno - 16:47
E' successo nelle prime ore di questo pomeriggio, la donna è stata elitrasportata all'ospedale di Vicenza
Cronaca
24 giugno - 14:42
E' successo la scorsa notte e tutta la scena è stata ripresa dalle telecamere del locale. Fortunatamente l'arrivo del titolare ha fatto scappare [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato