Contenuto sponsorizzato

La sindaca della notte vola in Canada (a spese del Comune di Trento) per parlare di ''movida''. Ianeselli: ''Motivo di orgoglio. Le polemiche? Provincialismo''

Un viaggio istituzionale e i costi sono ripartiti tra l'amministrazione comunale e gli organizzatori. Il sindaco Franco Ianeselli: "Quasi tutte le spese a carico dell'evento. Momento importante per creare relazioni". L'assessora Bozzarelli: "Una presenza propedeutica per un convegno previsto a luglio, organizzato con Provincia, Ocse e Centro servizi culturali Santa Chiara, sui percorsi della città nella notte"

Di Luca Andreazza - 18 maggio 2022 - 19:07

TRENTO. La "movida" trentina vola in Canada, Giulia Casonato è ospite di un convegno a Montreal e il tema è quello dell'equilibrio tra vivibilità urbana e socialità. La sindaca della notte interviene dal palco dell'evento Oltreoceano per raccontare l'esperienza di Trento.

 

Dopo l'appuntamento a Bolzano nell'evento organizzato dal Team K, l'esperienza maturata dal capoluogo acquisisce quindi una rilevanza internazionale (Qui articolo). "E' stata invitata a partecipare a questa rete mondiale - commenta Franco Ianeselli, sindaco di Trento - si tratta di un'importante occasione di confronto con altre realtà e con dinamiche simili, anche se probabilmente a Montreal (1,7 milioni di abitanti) ci possono essere difficoltà diverse e più complesse alla luce delle dimensioni molto più ampie del tessuto urbano. E' comunque un riconoscimento che la città sia protagonista di un evento internazionale, un momento per prendere spunto da queste esperienze nel quale si può presentare la nostra".

 

Un viaggio istituzionale e le spese sono ripartite tra l'amministrazione comunale e gli organizzatori. "Il Comune sostiene il volo - aggiunge il primo cittadino - Casonato parla poi inglese e quindi non c'è bisogno di un interprete come avviene per altre occasioni. Inoltre per tutti gli altri aspetti la consigliera comunale è ospite dell'evento. Le delegazioni politiche che si recano a Roma oppure a Bruxelles naturalmente non desta polemiche ma se si viene invitati in Canada allora la partita sembra acquistare un peso diverso. E' invece un orgoglio e un motivo di onore, eventuali esternazioni solo per il gusto di contraddire sono un esempio di provincialismo".

 


Il tema della movida ritorna centrale, soprattutto in questa fase di ripartenza dell'emergenza Covid. "E' importante partecipare a questi eventi - dice l'assessora Elisabetta Bozzarelli - con Trento che viene riconosciuta in questa rete. La vocazione del capoluogo è quella di essere aperta, forte della posizione geografica. E' inoltre una presenza propedeutica per un convegno previsto a luglio, organizzato con Provincia, Ocse e Centro servizi culturali Santa Chiara, sui percorsi della città nella notte. Questo di Montreal è un appuntamento interessante anche per stringere sinergie e condividere i metodi di lavoro".  

 

 

Delegata alla vivibilità urbana e socialità a giugno 2021, la rappresentante di Futura è stata chiamata a oliare gli ingranaggi della vita notturna del capoluogo. Un delicato equilibrio tra la voglia di divertimento dei giovani e il diritto al riposo dei residenti. Non sono mancate criticità in questi mesi con le prese di posizione dei Comitati cittadini con il sindaco che ha firmato diverse ordinanze per cercare di mettere ordine tra le varie e legittime esigenze della popolazione, l'ultimo provvedimento è quello che riguarda l'obbligo di steward e il divieto di vendita per asporto di alcolici (Qui articolo).

 

Ma se i risultati non sembrano visibili, il primo cittadino difende le scelte fin qui assunte. "Il modo di lavorare degli esercenti è diverso - evidenzia Ianeselli - alcuni propongono in maniera marcata una somministrazione d'asporto, altri invece utilizzano i plateatici. Si cerca di mediare tra le esigenze per raggiungere un equilibrio che possa soddisfare tutte le parti in causa. E' un percorso e l'impegno di Casonato è costante in questo senso. Il suo contributo nella predisposizione delle ordinanze è importante, il suo ruolo è certamente attivo e propositivo".

 

La socialità è un'esigenza che, però, va gestita. E qui si inserisce una sperimentazione pronta a partite e comprende una serie di eventi per animare alcuni parchi cittadini nelle ore serali: piazza Danteparco Solzhenitsyn (quello che orbita in zona Centro servizi culturali Santa Chiara) e parco delle Albere. "In tutti e tre i parchi vengono coinvolti diversi attori del terzo settore oltre che esercenti e imprenditori per creare un calendario di eventi e musica live".

 

Il Comune intende, infatti, sostenere per quanto di competenza le iniziative private. "Gli appuntamenti di Trento Alta sono molto interessanti e l'amministrazione si mette a disposizione per trovare le migliori soluzioni. In questo caso siamo disponibili a prevedere l'aggiunta di qualche corsa e il prolungamento dell'apertura della funivia fino a Sardagna per una migliore gestione dell'afflusso", conclude Ianeselli.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
26 giugno - 22:45
Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni di San Vigilio, l'evento clou della Disfida in piazza Fiera con la vittoria dei Gobj. [...]
Politica
26 giugno - 20:34
L'ex presidente della Pat: “Sulle Comunità di valle retromarcia definitiva, tutto resta come prima, in questi giorni altra retromarcia [...]
Società
26 giugno - 20:04
"Francesco e l'autismo" è una pagina nata a marzo scorso con l'intento di mostrare le attività quotidiane del bambino, dalle recite scolastiche [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato