Contenuto sponsorizzato

La rigenerazione urbana di Beira in Mozambico parte dal Trentino: "Un progetto di cooperazione impattante per la comunità locale"

Una delegazione è in Trentino per imparare le buone pratiche tra sviluppo sostenibile e partecipazione. Previsto anche un evento pubblico alla Bookique. L'assessore Mattia Gottardi: "L'obiettivo è immaginare un percorso innovativo in cui la formazione e l'azione si combinano, con la possibilità di organizzare una visione strategica"

Di LA - 15 aprile 2024 - 21:12

TRENTO. Dal Mozambico al Trentino per la rigenerazione urbana della città di Beira. Questo è il progetto Mudar (Mozambique Integrated Urban Development by Action and Relationships: Empowering Local Governance), un piano per promuovere lo sviluppo della città africana attraverso il rafforzamento della partnership con il Trentino.

 

Una delegazione proveniente dal Mozambico è in provincia fino al 20 aprile nella cornice della Summer School rivolta ai rappresentanti della città di Beira nelle loro funzioni di decisori, dirigenti e funzionari con competenza in ambito di strategia e pianificazione, appartenenti ai settori centrali per la realizzazione del progetto pilota di Macuti (rigenerazione urbana, gestione del verde e gestione dei rifiuti solidi urbani). Presenti inoltre in questi giorni a Trento due coordinatori dell’Istituto di formazione per la Pubblica amministrazione di Beira.

"Esprimo soddisfazione per il percorso avviato", commenta l'assessore Mattia Gottardi. "Un progetto importante e impattante, in cui la logica è quella della cooperazione nella messa a disposizione di buone pratiche, la formazione dei formatori per trasferire competenze e conoscenze alle comunità locali".

 

Questa iniziativa, Mudar, è un progetto di cooperazione, finanziato dalla Commissione europea, attivo per il triennio 2022/2025, che coinvolge attori pubblici e privati in Italia e in Mozambico: Università di Trento, Università Unizambese, Istituto di formazione per la pubblica amministrazione, Consorzio associazioni con il Mozambico, Informatici senza frontiere e il Centro di cooperazione internazionale di Trento.


E' previsto anche un incontro pubblico con la stessa delegazione che tratterà delle "Azioni e formazione per uno sviluppo urbano partecipato e sostenibile". L'appuntamento è in calendario alle 18.30 di giovedì 18 aprile alla Bookique in via Torre d’Augusto 29 a Trento.

 

"L'obiettivo è immaginare un percorso innovativo in cui la formazione e l'azione si combinano, con la possibilità di organizzare una visione strategica. Per questo gli incontri si focalizzeranno sulle buone pratiche territoriali in Trentino, rilevanti per il progetto infrastrutturale pilota 'Rigenerazione Urbana del quartiere informale Macuti-Miquejo di Beira', che prende spunto dal concetto chiave di sviluppo locale, inteso come l'intervento congiunto di attori pubblici e privati su risorse specifiche presenti in un determinato territorio che, attraverso processi di cambiamento e trasformazione, permette di migliorare il benessere delle comunità che lo abitano", conclude Gottardi. 


Gli argomenti principali, che saranno trattati da esperti del settore, riguardano lo sviluppo locale sostenibile, i temi 'Green Cities' e servizi digitali, la gestione dei rifiuti, la bioeconomia, le alleanze pubblico-private e l'innovazione sociale.

 

Anche i concetti e le pratiche di inclusività, partecipazione della comunità, protezione dei diritti umani e promozione delle pari opportunità saranno affrontati in modo trasversale per tutto il percorso e avranno un ruolo cruciale nella definizione del quadro di lavoro.

Il progetto si inserisce nelle azioni che nel luglio dell'anno scorso ha visto il Trentino una delegazione dalla Libia. Tra i risultati la nascita di un "Consorzio dei Comuni" libico che si ispira a quello del Trentino, l'infrastrutturazione di una rete tra amministrazioni, la gestione dei servizi pubblici e la creazione di una filiera ittica. Un impegno della Provincia di Trento in qualità di capofila con il supporto della Regione Friuli Venezia Giulia (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 maggio - 20:36
Dalle parole e gli insulti la situazione è degenerata rapidamente quando la ragazza del più giovane avrebbe estratto il telefono per filmare [...]
Montagna
17 maggio - 17:04
L'obiettivo è ambizioso: conquistare e assegnare un nome a due vette inesplorate (superiori a 5.000 metri di altezza) della Cordillera Real in [...]
Cronaca
17 maggio - 18:48
L'allarme è scattato nelle prime ore di questo pomeriggio, l'anziana è scivolata probabilmente a causa del terreno reso scivoloso dalla pioggia
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato