Contenuto sponsorizzato

Aperte le iscrizioni per la prima laurea in Meteorologia, a disposizione 30 posti

Sarà promossa assieme dall'Università di Trento e di Innsbruck e formerà figure professionali in grado di conoscere i principi fisici che sono alla base dei fenomeni atmosferici, le variabili e le equazioni che li descrivono

Pubblicato il - 01 aprile 2018 - 23:11

TRENTO. E' online il bando per l'ammissione alla nuova laurea magistrale in Meteorologia ambientale, promossa assieme dall'Università di Trento e di Innsbruck. La laurea magistrale in lingua inglese partirà dal prossimo anno accademico 2018/19 dopo il via libera ministeriale atteso entro l’estate. L’accesso sarà a numero chiuso e nel primo anno di attivazione si prevedono 30 posti. È richiesta un’adeguata preparazione nelle materie di base (matematica, fisica e chimica).

 

Il percorso formerà figure professionali in grado di conoscere i principi fisici che sono alla base dei fenomeni atmosferici, le variabili e le equazioni che li descrivono e le caratteristiche dei principali sistemi meteorologici alle varie scale spaziali e temporali. Fanno parte del programma di studio gli insegnamenti nell’ambito delle discipline di scienze della terra, delle discipline chimiche e delle discipline agrarie, tecniche e gestionali.

 

Durante il corso di laurea gli studenti frequenteranno al primo anno gli insegnamenti offerti a Trento. Il primo semestre del secondo anno si sposteranno a Innsbruck, mentre il secondo semestre è dedicato all’elaborazione della tesi di laurea magistrale, che potrà essere svolta indifferentemente in uno dei due atenei o in altre sedi (università, enti di ricerca, servizi meteorologici, agenzie per l’ambiente, ecc.). Al termine del percorso sarà conseguito un titolo valido sia in Italia, sia in Austria: la Laurea magistrale in Environmental Meteorology dell’Università di Trento e il Master of Science dell’Università di Innsbruck.

 

Una proposta formativa unica, che va a colmare l’assenza di percorsi specifici nel nostro Paese per la preparazione dei professionisti della meteorologia, sempre più richiesti in vari ambiti. I servizi meteorologici negli ultimi anni hanno infatti suscitato un interesse crescente anche in alcuni settori specifici su cui il meteo ha un impatto diretto: come ad esempio i servizi di protezione civile, la gestione degli impianti a servizio degli edifici, la produzione di energia da fonti rinnovabili, il turismo, la gestione dei trasporti e l’agricoltura.

 

Le previsioni del tempo specialistiche, in questi ambiti, hanno come obiettivo quello di minimizzare gli impatti socio-economici negativi causati da condizioni meteorologiche avverse e, al contrario, di massimizzare i benefici ottenibili in situazioni favorevoli. Un risultato che può essere raggiunto soltanto attraverso il corretto utilizzo di una previsione meteorologica accurata e mirata, fatta appunto da professionisti.  A rendersi conto del valore, economico e non solo, della meteorologia è per primo il mercato: negli ultimi anni è aumentato il numero di richieste di servizi di previsioni specialistiche, soprattutto attraverso Internet.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 13:11

L'Austria vuole tenere aperti gli impianti, mentre in Svizzera si scia già. L'epidemiologo Lopalco a Piazza Pulita si è confrontato con Corona e ha spiegato: "Un centinaio di persone ammassate vicino ad un impianto di risalita rappresentano la condizione perfetta per la trasmissione del virus. Vale più la salute o l’economia?"

27 novembre - 14:56

Rispetto all'articolo pubblicato questa mattina il dato aggiornato dai grafici del ministero ha fatto aumentare ancora di più il gap con tutti gli altri territori con un rapporto di ricoveri per positivi in Trentino al 19,5% contro la ''peggiore'' d'Italia, la Valle d'Aosta che è solo al 9%. Interrogazione del Patt in consiglio 

26 novembre - 13:12

La sperimentazione è iniziata domenica 22 novembre, giornata di sensibilizzazione per il sostentamento del clero, a Cicognara in provincia di Mantova che rientra nella diocesi di Cremona. Niente monetine nella cesta delle offerte, ma un pagamento tracciato attraverso bancomat e carte di credito: "E' garantito l'anonimato e si può dedurre la spesa". VIDEO ALL'INTERNO

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato