Contenuto sponsorizzato

Al via le iscrizioni ai corsi di laurea delle professioni sanitarie, 200 posti a disposizione

Nelle sedi del Polo universitario delle professioni sanitarie di Trento e di Rovereto sono attivati cinque corsi di durata triennale. La domanda di ammissione e il relativo pagamento del contributo di ammissione di 50 euro devono essere effettuati, entro martedì 21 agosto, esclusivamente via web (Qui info)

Pubblicato il - 26 luglio 2018 - 16:56

TRENTO. Al via le iscrizioni ai corsi di laurea delle professioni sanitarie della Scuola di medicina e chirurgia dell'Università di Verona per il 2018/19. 

 

Sono 205 i posti a disposizione, 120 dei quali destinati al percorso in infermieristica, 25 in fisioterapia, 20 a quello in tecniche della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, 20 per la tecnica di riabilitazione psichiatrica e 20 per igiene dentale. Il test di ammissione, unico per tutti i corsi di laurea delle professioni sanitarie, si tiene il 12 settembre alle 9.30. 

 

Nelle sedi del Polo universitario delle professioni sanitarie di Trento e di Rovereto sono attivati cinque corsi di durata triennale. La domanda di ammissione e il relativo pagamento del contributo di ammissione di 50 euro devono essere effettuati, entro martedì 21 agosto, esclusivamente via web (Qui info).

 

La formazione universitaria delle professioni sanitarie è realizzata all’interno di un protocollo di intesa che vede coinvolti la Provincia di Trento, la Scuola di medicina e chirurgia dell’Università di Verona e l'Ateneo di Trento

 

In base agli ultimi dati Alma Laurea le lauree per le professioni sanitarie sono tra quelle che offrono maggiori opportunità lavorative. Per i laureati del Polo universitario delle professioni sanitarie il tasso occupazionale, a un anno dalla laurea, è pari all’83,9% (media nazionale 71,1%).

 

Dal rapporto emergono ottime prospettive lavorative: infermieristica 90,8%, fisioterapia 95,9%, igiene dentale 100%, tecnica della riabilitazione psichiatrica 78,3% e tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro 87,5%.

 

La collocazione ideale dei laureati di quest’area è all’interno di ospedali, cure domiciliariambulatori pubblici e privati, strutture e centri per la riabilitazione e enti o aziende che si occupano di promozione e tutela della salute pubblica negli ambienti di vita, lavoro e prevenzione ambientale.

 

Le informazioni sulla procedura di pre-iscrizione sono disponibili alle pagine dedicate (http://www.univr.it, link «Iscrizioni – Area Medicina e Chirurgia – Bando e Allegati | https://www.apss.tn.it/polo-universitario > documenti), dove sono disponibili informazioni sui corsi e le risposte alle domande più frequenti relative all’iscrizione, immatricolazione, modalità di frequenza ai corsi e agevolazioni per gli studenti e sul seminario di preparazione alla prova di ammissione organizzato dalla Provincia di Trento, le cui iscrizioni scadono il 31 agosto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato