Contenuto sponsorizzato

Al via le iscrizioni ai corsi di laurea delle professioni sanitarie, 200 posti a disposizione

Nelle sedi del Polo universitario delle professioni sanitarie di Trento e di Rovereto sono attivati cinque corsi di durata triennale. La domanda di ammissione e il relativo pagamento del contributo di ammissione di 50 euro devono essere effettuati, entro martedì 21 agosto, esclusivamente via web (Qui info)

Pubblicato il - 26 luglio 2018 - 16:56

TRENTO. Al via le iscrizioni ai corsi di laurea delle professioni sanitarie della Scuola di medicina e chirurgia dell'Università di Verona per il 2018/19. 

 

Sono 205 i posti a disposizione, 120 dei quali destinati al percorso in infermieristica, 25 in fisioterapia, 20 a quello in tecniche della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, 20 per la tecnica di riabilitazione psichiatrica e 20 per igiene dentale. Il test di ammissione, unico per tutti i corsi di laurea delle professioni sanitarie, si tiene il 12 settembre alle 9.30. 

 

Nelle sedi del Polo universitario delle professioni sanitarie di Trento e di Rovereto sono attivati cinque corsi di durata triennale. La domanda di ammissione e il relativo pagamento del contributo di ammissione di 50 euro devono essere effettuati, entro martedì 21 agosto, esclusivamente via web (Qui info).

 

La formazione universitaria delle professioni sanitarie è realizzata all’interno di un protocollo di intesa che vede coinvolti la Provincia di Trento, la Scuola di medicina e chirurgia dell’Università di Verona e l'Ateneo di Trento

 

In base agli ultimi dati Alma Laurea le lauree per le professioni sanitarie sono tra quelle che offrono maggiori opportunità lavorative. Per i laureati del Polo universitario delle professioni sanitarie il tasso occupazionale, a un anno dalla laurea, è pari all’83,9% (media nazionale 71,1%).

 

Dal rapporto emergono ottime prospettive lavorative: infermieristica 90,8%, fisioterapia 95,9%, igiene dentale 100%, tecnica della riabilitazione psichiatrica 78,3% e tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro 87,5%.

 

La collocazione ideale dei laureati di quest’area è all’interno di ospedali, cure domiciliariambulatori pubblici e privati, strutture e centri per la riabilitazione e enti o aziende che si occupano di promozione e tutela della salute pubblica negli ambienti di vita, lavoro e prevenzione ambientale.

 

Le informazioni sulla procedura di pre-iscrizione sono disponibili alle pagine dedicate (http://www.univr.it, link «Iscrizioni – Area Medicina e Chirurgia – Bando e Allegati | https://www.apss.tn.it/polo-universitario > documenti), dove sono disponibili informazioni sui corsi e le risposte alle domande più frequenti relative all’iscrizione, immatricolazione, modalità di frequenza ai corsi e agevolazioni per gli studenti e sul seminario di preparazione alla prova di ammissione organizzato dalla Provincia di Trento, le cui iscrizioni scadono il 31 agosto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 05:01

Un'immagine registrata utilizzata per la campagna elettorale, tutto senza autorizzazione. Un caso che non è sfuggito alla proprietaria del "marchio", che è Cristina Fogazzi, conosciuta come l'Estetista cinica, che si è resa protagonista di un durissimo affondo contro Odilla Ponti candidata della Lega alle elezioni amministrative di Trento

22 settembre - 08:55

Per il governatore Veneto un risultato che nessun altro governatore aveva raggiunto. "E' una responsabilità grande che arriva da un voto dei veneti per il Veneto” ha spiegato

22 settembre - 08:09

Il ministro della Salute: "“Ho firmato una nuova ordinanza che estende l’obbligo di test molecolare o antigenico ai cittadini provenienti da Parigi e altre aree della Francia con significativa circolazione del virus. I dati europei non possono essere sottovalutati. L’Italia oggi sta meglio di altri Paesi, ma serve ancora grande prudenza per non vanificare i sacrifici fatti finora”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato