Contenuto sponsorizzato

Università, tutto pronto per la cerimonia di laurea in piazza Duomo per 390 studenti

E' la sesta edizione e saranno in 12 a ricevere l’attestato di merito come migliori dottori e dottoresse di ricerca dell’anno accademico 2015-2016

Pubblicato il - 14 giugno 2018 - 12:06

TRENTO. Saranno 390 i laureati e le laureate che prenderanno parte sabato prossimo alla sesta cerimonia pubblica delle lauree organizzata dall’Università di Trento in Piazza Duomo.

Insieme a loro saranno in 12 a ricevere l’attestato di merito come migliori dottori e dottoresse di ricerca dell’anno accademico 2015-2016.

 

Il conseguimento della laurea è un risultato importante. Qualsiasi cosa si intenda fare dopo, rappresenta un risultato raggiunto e una premessa per il futuro. Ed è per questo che la cerimonia intende sottolineare l’importanza del momento della laurea e del dottorato per i protagonisti, le loro famiglie, la comunità accademica e quella territoriale, la società nel suo insieme. Vuole anche ribadire il legame profondo tra città e comunità studentesca universitaria, contrassegnato dalla crescita e dall'arricchimento reciproco

 

Il rettore consegnerà la pergamena davanti all'intera comunità universitaria nella cornice di Piazza Duomo, con l’accompagnamento dal vivo della Corale Polifonica UniTrento e del Gruppo Strumentale di Ateneo.

 

I laureati e le laureate di questa edizione hanno conseguito il titolo tra ottobre 2017 e marzo 2018 nei corsi di laurea del Centro di Biologia Integrata e dei dipartimenti di Economia e Management, Fisica, Ingegneria civile, ambientale e meccanica, Ingegneria industriale, Ingegneria e Scienza dell’informazione, Lettere e Filosofia, Matematica, Psicologia e Scienze cognitive, Sociologia e Ricerca sociale.

 

Dopo il benvenuto del rettore Paolo Collini, i saluti istituzionali del vicesindaco di Trento, Paolo Biasioli, e dell’assessora all’università e ricerca della Provincia autonoma di Trento, Sara Ferrari. Quindi il saluto di Innocenzo Cipolletta, presidente del Consiglio di amministrazione dell’Ateneo. Sarà poi la volta dell’intervento del rettore.

 

Prenderà poi la parola Franz Petrozzi, laureato in Economia e Management nel 2011, Account Manager in IBM divisione Global Markets. Dopo di lui interverrà Caterina Boscolo Meneguolo come miglior laureata tra chi partecipa alla cerimonia di sabato 16 giugno.

 

Si entrerà quindi nella seconda parte con la consegna della pergamena ai migliori neodottori e alle migliori neodottoresse di ricerca di ogni corso di dottorato dell’Ateneo. Poi a salire sul palco saranno i neolaureati e le neolaureate. Riceveranno il diploma dal rettore Paolo Collini e dalla prorettrice alle politiche di equità e diversità, Barbara Poggio.

 

Ci si avvierà al termine con i saluti e ringraziamenti del rettore, il canto dell’inno degli universitari “Gaudeamus Igitur”, la proclamazione da parte del rettore e il lancio dei tocchi e delle feluche sulle note dell’”Halleluja” di Händel.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

21 novembre - 19:46

Per colpa del maltempo una frana si è abbattuta sulla strada che collega le frazioni di Zoldo Alto e Forno di Zoldo (dove si trova la scuola). Per questo i bambini sono stati coinvolti in una singolare avventura: aggirare la colata di fango sopra una passerella sul torrente Maé

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato