Contenuto sponsorizzato

Piero Angela con gli studenti per costruire il futuro: ecco il ciclo di incontri per comprendere i cambiamenti globali

Quest'oggi ha aperto le danze proprio il grande divulgatore scientifico che ha parlato ai giovani dell’impatto della longevità nella società moderna

Pubblicato il - 13 febbraio 2020 - 20:32

TRENTO. ''Da studente sarei stato molto interessato a incontrare personaggi di grande competenza in grado di illuminarmi sulle problematiche del mio futuro''. Piero Angela presenta così il ciclo di incontri al via a Trento “Costruire il futuro”, il format ideato dal grande divulgatore scientifico per un percorso formativo unico nel suo genere dedicato alle studentesse e agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado e dell’Università.

 

Dopo gli incontri dello scorso anno, l’iniziativa prosegue nel 2020 grazie al progetto realizzato dalla Fondazione Bruno Kessler in collaborazione con l’Università di Trento, la Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo e Rai Trentino.

 

Sette le conferenze in programma, tenute da esperti protagonisti del presente con l’obiettivo di ampliare la formazione dei giovani in un mondo in continua trasformazione tecnologica, economica e culturale. Il primo appuntamento è stato proprio con Piero Angela che insieme allo scrittore e giornalista scientifico Piero Bianucci ha parlato ai ragazzi dell’impatto della longevità nella società moderna.  L’incontro dal titolo “Scienze di lunga vita” era riservato alle scuole (iscritte attraverso il programma FBK Junior) e si è svolto al Teatro Cuminetti di Trento.

 

Gli eventi successivi, rivolti anche agli studenti universitari e in programma all’Auditorium di Palazzo Prodi, sede del Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento, vedranno protagonisti le relatrici e i relatori Stefano Forti, Giuseppe Jurman, Vincenza Colonna, Roberto Battiston, Alessandra Morelli, Lucia Votano, Cristina Pozzi e Andrea Dusi.

 

"Penso”, ha sottolineato Piero Angela, “che da studente sarei stato molto interessato a incontrare personaggi di grande competenza in grado di illuminarmi sulle problematiche del mio futuro. Un futuro che oggi ci appare pieno di nuvole oscure, ma che è anche pieno di nuove opportunità. Adottare comportamenti giusti è importante. Per questo conoscere aiuta a scegliere".

 

“Dopo il successo della prima edizione - ha dichiarato il presidente della Fondazione Bruno Kessler Francesco Profumo – sosteniamo anche quest’anno con grande coinvolgimento il ciclo di conferenze ideato da Piero Angela, volto ad aiutare i giovani a identificare e affrontare i cambiamenti nel mondo del lavoro. Quello delle future professioni è un tema cruciale, in un momento in cui una parte rilevante degli attuali lavori è destinata gradualmente a trasformarsi con l'introduzione di nuovi servizi digitali e gli sviluppi della robotica e dell'intelligenza artificiale. Gli studenti di oggi dovranno impegnarsi infatti per dare risposte ai rapidi cambiamenti della nostra società e trovare nuove chiavi di lettura per interpretare il mondo".

 

Le informazioni sul progetto e il programma completo delle conferenze si trovano sul sitohttps://costruireilfuturo.com/ , dove verranno anche messe a disposizione le registrazioni degli incontri, moderati da Claudio Ruatti.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

21 ottobre - 08:24

Lutto a Levico Terme, Maurizio Nicolini è morto ieri mattina colpito da un infarto. Era coordinatore dell'Appm (l'associazione provinciale per i minori) ed è stato punto di riferimento per l'intera comunità. Tra i suoi ultimi impegni anche l'aiuto nel progetto "Resta a casa passo io"

20 ottobre - 20:05

Ci sono 46 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 94 positivi a fronte dell'analisi di 846 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,1%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato