Contenuto sponsorizzato

Buone notizie per gli universitari: da settembre si torna in aula al 100 per cento. Deflorian: "Segnale di fiducia e richiamo alla responsabilità"

È arrivata oggi, mercoledì 9 giugno, la tanto agognata notizia: da settembre l'università tornerà in presenza al 100 per cento. Non mancheranno però le misure per garantire la sicurezza di studenti e cittadini, rassicura l'Ateneo. Tra le opzioni possibili i test salivari

Di Mattia Sartori - 09 giugno 2021 - 16:15

TRENTO. Buone notizie per gli universitari trentini: dopo più di un anno e mezzo di lezioni online e soluzioni alternative si torna in aula. Lo ha annunciato oggi, mercoledì 9 giugno, il Senato accademico, dando ufficialmente il via libera alla didattica in presenza al 100 per cento per l’anno accademico 2021/22.

 

Un’ottima notizia per tutti gli studenti e le studentesse, ma soprattutto per i fuorisede, che in queste settimane inizieranno a pianificare gli aspetti logistici della loro presenza a Trento. Non bisogna però preoccuparsi: per chi non fosse nelle condizioni di rientrare a causa dell’emergenza sanitaria saranno comunque previste delle forme di supporto.

 

Tornare in aula però non vuol dire smettere di preoccuparsi per la sicurezza degli alunni e della comunità che li accoglie. L’Ateneo sta già lavorando ai protocolli di sicurezza per l’accesso alle classi e agli altri spazi dell’università. Tra le opzioni anche l’utilizzo dei test salivari.

 

La decisione di riprendere al 100 per cento in presenza da settembre fa seguito a una serie di provvedimenti varati dall’Ateneo nelle scorse settimane per favorire una graduale ripresa delle attività nei locali UniTrento. A partire dal mese di giugno, infatti, sono stati progressivamente riaperti molti spazi studio con altri 354 posti all’interno dei dipartimenti a Povo, Mesiano, a Trento città e a Rovereto, sempre con la massima attenzione alle capienze e nel rispetto degli orari di apertura e chiusura dei vari edifici.

 

«Questa decisione presa all’unanimità dalle varie componenti accademiche è un segnale di fiducia e di grande voglia di ripartire» ha commentato il rettore Flavio Deflorian. «Ma è anche un richiamo alla responsabilità collettiva. Nostra innanzitutto, nella definizione di adeguate misure di sicurezza. Ma anche degli studenti e delle studentesse, del corpo accademico e del personale amministrativo e tecnico che dal prossimo anno torneranno a vivere gli spazi dell’Ateneo finalmente in presenza. La pandemia ci ha abituato a essere accorti: non dubito che affronteremo questa sfida con impegno e attenzione anche nel rispetto della comunità trentina che accoglie l’università».

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 giugno - 06:01
L'avvocato di Milano ha lavorato al provvedimento depositato nel 2019 dalla senatrice trentina che ora chiederà di farlo ripartire: ''Non si [...]
Cronaca
20 giugno - 20:46
L'uomo, classe '63, era scomparso da alcune ore e l'allarme era stato dato dai gestori della struttura dove alloggiava. Trovata la macchina [...]
Cronaca
20 giugno - 18:31
Fatale un malore per un 58enne di Monselice in provincia di Padova. L'allerta è scattata in val di Maso, poco lontano dall'abitato di Cesuna nel [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato