Contenuto sponsorizzato

Premiata la monoposto elettrica realizzata dalla scuderia dell'Università di Trento: "E-Agle Trento Racing Team"

È stata sviluppata una quattroruote attenta all'ambiente, a propulsione elettrica. Al lavoro 60 studenti e studentesse

Pubblicato il - 25 luglio 2017 - 11:04

TRENTO. Primo premio assoluto per la miglior soluzione di telemetria e ottime performance nelle prove statiche. Successo per Chimera, la monoposto targata UniTrento che ha debuttato in Formula SAE. La competizione si è tenuta dal 19 al 23 luglio sul circuito Riccardo Paletti a Varano de' Melegari (Parma).

 

L'importante risultato è stato raggiunto grazie alla scuderia dell'Università di Trento: "E-Agle Trento Racing Team", composta da quasi 60 studenti e studentesse e coordinata dal docente e advisor Paolo Bosetti (Dipartimento di Ingegneria industriale).


"E-Agle Trento Racing Team" ha visto al lavoro per circa un anno quasi una sessantina tra studenti e studentesse dell'Ateneo, iscritti a corsi di laurea dell'area ingegneristica e di quella economica, sotto la direzione di Paolo Bosetti, professore di Tecnologie e sistemi di lavorazione al Dipartimento di Ingegneria industriale dell'Ateneo trentino e advisor della squadra.

 

È stata sviluppata una quattroruote attenta all'ambiente, a propulsione elettrica. La fase di progettazione si è svolta nei laboratori di Meccatronica del Dipartimento, quindi la scuderia si è trasferita per la costruzione della monoposto negli spazi di Trentino Sviluppo, partner tecnico del progetto, nei laboratori tecnologici di prototipazione meccatronica (ProM Facility), inaugurati di recente a Polo Meccatronica di Rovereto. Il progetto ha potuto contare anche sul sostegno di 28 le imprese del territorio che hanno messo a disposizione del team universitario conoscenze, materiali, macchinari e pezzi di ricambio.

«Abbiamo ottenuto il primo premio assoluto per la miglior soluzione di telemetria – annuncia Bosetti – cioè per il miglior sistema di raccolta e comunicazione dei dati di funzionamento di tutti i sistemi del veicolo, visualizzati in maniera molto efficace al pilota, mediante il grande display sul volante, e alla squadra dei tecnici nel paddock».

«Inoltre, pur non riuscendo a completare le prove in pista per un problema alle cinture di sicurezza, abbiamo raggiunto ottimi risultati – prosegue Bosetti – per una squadra esordiente e per un veicolo preparato in brevissimo tempo come Chimera: dodicesimi nella presentazione del business plan, tredicesimi nella discussione del progetto del veicolo e quindicesimi nella discussione del bilancio economico della squadra. Posizioni che ci danno molta soddisfazione considerato che a Varano risultavano iscritte 44 squadre nella categoria elettrica e che 25 squadre si sono ritirate. Infine, mi ha fatto molto piacere ricevere sinceri complimenti da parte di giudici e faculty advisor di altre squadre per l'ottimo avvio della squadra dell'Università di Trento».


La Formula SAE è una competizione di design ingegneristico riservata alla comunità studentesca e proposta a livello internazionale dalla Society of Automotive Engineers (di qui l'acronimo SAE). L'iniziativa, nata nel 1981, prevede la progettazione e la produzione di una veicolo da corsa offrendo la possibilità agli studenti di passare dalla teoria alla pratica.

 

Su questo particolare circuito si viene valutati sulla base di una serie di prove per la qualità del design e per l'efficienza ingegneristica. «Le gare – racconta Bosetti – sono suddivise in "statiche" e "dinamiche": le prime, tecniche, vengono fatte a veicolo fermo e sono eventi che vanno dalla presentazione di un business plan all'illustrazione delle scelte tecniche alla valutazione, da parte della giuria, dei requisiti di sicurezza. Le seconde sono, invece, gare di corsa vere e proprie analoghe a quelle di un Gran Premio».

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato