Contenuto sponsorizzato

Whatsapp non funziona. Niente panico, non è colpa del vostro smartphone

Il servizio è andato in tilt a partire dalle 19.50. Era già successo il 3 novembre

Pubblicato il - 30 novembre 2017 - 20:16

TRENTO. Tranquilli, niente panico. Non è colpa vostra, del vostro smartphone o della vostra connessione. Whatsapp è fuori servizio dalle 19.50 circa. Bloccato: non consente di inviare messaggi di testo, video e foto. Insomma, niente da fare. La rotellina gira, come quando l’applicazione tenta di collegarsi al server, ma non riesce a trasformarsi in "spunta". E sui social in questi minuti l'hashtag #whatsappdown è tra le più usate.

 

Solo poche settimane fa l'ultimo caso di down: era il 3 novembre quando WhatsApp ha smesso di ricevere e inviare messaggi. E ancora il 31 agosto e il 3 maggio scorsi: l’Italia è andata offline alle 22.30 e solo alle due di notte ha potuto ricominciare a comunicare. 

 

Per qualche minuto, forse ora, bisognerà farne a meno. Ci riusciremo?

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato